A settembre si discuterà in Aula Parlamentare il DDL “Cannabis Legale”

Riportiamo il comunicato ufficiale di Giulio Marcon, di sinistra italiana-possibile che annuncia il rinvio finale:

“Su richiesta di Sinistra Italiana-Possibile la legge sulla legalizzazione della cannabis andrà in Aula a Montecitorio a settembre. Dopo le parole del Procuratore nazionale Antimafia Roberti sulla legalizzazione della cannabis e il fallimento del proibizionismo il Parlamento non si lasci sfuggire questa occasione.

Sarebbe un passo in avanti per contrastare le mafie e ridurre la circolazione di sostanze alterate, che attualmente arrivano con estrema facilità anche ai minorenni, e reperire risorse da dedicare alla repressione dei reati su fenomeni più gravi del consumo di cannabis.

Lo afferma il capogruppo di Sinistra Italiana-Possibile Giulio Marcon.

Il tema di come regolamentare la cannabis e contrastare le mafie è maturo, prosegue Marcon. Il mercato della cannabis e dei suoi derivati è da decenni in mano a mafie di ogni sorta e colore per un valore di una decina di miliardi di euro. Chi si batte per mantenere la situazione attuale agisce oggettivamente in concorso con gli interessi di queste organizzazioni.

Per la prima volta si discute una legge che prevede la legalizzazione e non l’ennesima legge proibizionista, per la prima volta si cerca di cambiare approccio, visto che quello repressivo e proibizionista ha fallito su tutta la linea. Nel mondo la tendenza è legalizzare il consumo e la vendita, sia per fini terapeutici che ricreativi.

L’Italia non si può permettere di rimanere indietro solo perché la destra di questo Paese, che è rimasta al medioevo, è contraria, conclude Marcon.”

Dunque sarà Settembre 2017 la fatidica data dove verrà “deciso” e forse votato il DDL Cannabis Legale, che probabilmente approderà in aula mutilato delle sue parti fondanti come l’autoproduzione personale.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*