Studio: il 97% dei pazienti che usano cannabis segnala una diminuzione dell’uso di farmaci oppiacei

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della University of California, Berkley, e Kent State University ha scoperto che la cannabis è fortemente preferita rispetto agli oppiacei da prescrizione, e che la cannabis può aiutare a ridurre l’uso di tali oppiacei.

“L’overdose di farmaci da prescrizione è la principale causa di morte accidentale negli Stati Uniti”, afferma la sezione introduttiva dello studio. “Alternative agli oppioidi per il trattamento del dolore sono necessarie per risolvere questo problema. La cannabis può essere un trattamento efficace per il dolore, essa riduce notevolmente la possibilità di dipendenza ed elimina il rischio di overdose fatale rispetto ai farmaci oppioidi. I pazienti in cura con cannabis riferiscono che la cannabis è altrettanto efficace, se non di più, dei farmaci oppioidi per quanto riguarda la gestione del dolore “.

L’attuale studio “ha esaminato l’uso di cannabis come sostituto dei farmaci antidolorifici oppioidi attraverso la raccolta di dati di rilievo da 2897 pazienti che usano cannabis a livello medico.”

Il 34% ha dichiarato di utilizzare farmaci oppioidi come antidolorifici negli ultimi 6 mesi. Gli intervistati hanno riferito “in modo schiacciante che la cannabis ha fornito sollievo alla pari con altri farmaci, ma senza gli effetti collaterali indesiderati.”

Il 97% del campione “ha concordato in modo convinto / concordato” che la cannabis è in grado di diminuire la quantità di oppiacei che consumano, e l’81% è “fortemente d’accordo / d’accordo” che l’assunzione di cannabis di per sé sia stata più efficace nel trattamento della loro condizione rispetto ai farmaci con oppioidi. I risultati sono stati “simili per coloro che utilizzano la cannabis con farmaci antidolorifici oppiacei”

Lo studio conclude affermando che “La ricerca futura dovrebbe monitorare i risultati clinici in cui la cannabis è offerta come un valido sostituto per il trattamento del dolore ed esaminare i risultati dell’uso di cannabis come trattamento assistito per la dipendenza da oppiacei.”

L’astratto completo ed il testo dello studio possono essere trovati cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*