Studio: Cannabinoidi utili nel prevenire le conseguenze negative dello stress

I cannabinoidi possono prevenire le conseguenze negative a lungo termine dell’esposizione a grave stress secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista Hippocampus .

“L’esposizione a stress eccessivo o incontrollato è un fattore importante associato a varie malattie, tra cui il disturbo da stress post-traumatico (PTSD)”, inizia l’astratto dello studio.

Secondo i ricercatori “molte evidenze supportano il ruolo del sistema endocannabinoide (BCE) come modulatore della risposta allo stress. In questo studio abbiamo cercato di esaminare la modulazione degli effetti a lungo termine (ad esempio 1 mese) di esposizione ad un evento traumatico sulla memoria e la plasticità nell’ ippocampo e nell’amigdala.”

In seguito all’esposizione i ratti hanno dimostrato un maggiore recupero della memoria e ristabilimento dei valori dell’ippocampo e amigdala grazie ad un cannabinoide che mimava gli effetti dei cannabinoidi naturali.

Inoltre, gli effetti dell’agonista si possono prevenire con co-somministrazione di una dose bassa dell’antagonista AM251 del recettore CB1, suggerendo che gli effetti sono mediati dai recettori CB1.

Inoltre “L’esposizione a urti e promemoria hanno aumentato i livelli di recettori CB1 nella CA1 e basolaterale (BLA) un mese dopo l’esposizione allo shock e questo aumento è stato impedito anche somministrando WIN55-212,2 o URB597.”

Nel loro insieme “questi risultati suggeriscono il coinvolgimento del sistema endocannabinoide, e in particolare dei recettori CB1, negli effetti positivi contro il grave stress sulla memoria e la plasticità nel ippocampo e l’amigdala.”

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*