Massachusetts: ciascuna città potrà decidere se approvare o meno i punti vendita, facendo votare i cittadini

Il Governatore del Massachusetts, Charlie Baker, ha firmato in legge una proposta di legge sulla marijuana, inviata a lui la scorsa settimana dai Legislatori, che definisce la fase di creazione della struttura normativa per sorvegliare le vendite di marijuana legale in Massachusetts.

La cannabis diventa legale questa sera“Ringraziamo il governatore per aver firmato il disegno di legge e invitiamo tutti i funzionari esecutivi e legislativi coinvolti nel nuovo sistema normativo per creare appuntamenti tempestivi e assicurare un finanziamento adeguato in modo che le vendite legali possano iniziare sul calendario fissato dai legislatori dello scorso dicembre”, ha dichiarato Matthew Schweich, direttore delle campagne statali per il Progetto di Politica della Marijuana e uno dei leader della campagna del 2016.

Secondo Schweich, questo risultato legislativo significa che entro gennaio 2020 il Massachusetts sarà l’unico stato nel paese dove cadranno tutti i divieti per le imprese di marijuana richiederanno l’approvazione da parte degli elettori locali.

La nuova legge afferma che gli appuntamenti al consiglio consultivo del Cannabis devono essere effettuati entro il 1 ° agosto e gli appuntamenti alla Commissione di controllo del cannabis devono essere effettuati entro il 1 ° settembre. Gli incarichi devono essere effettuati dal governatore, dal procuratore generale e dal tesoriere.

“Speriamo che per i funzionari eletti non ci saranno ulteriori ritardi nell’attuazione del sistema di vendita legale. Lo stato beneficerà notevolmente delle entrate fiscali e dei posti di lavoro creati dal nuovo settore, e siamo sicuri che i legislatori garantiranno finanziamenti adeguati per ottenere il funzionamento e l’esecuzione del sistema regolamentare sulla linea temporale attuale “, ha dichiarato Jim Borghesani, portavoce della campagna del 2016 e del successivo sforzo di difesa della legge.

La legislazione adegua la politica di controllo locale, consentendo ai funzionari del governo locale delle città che hanno votato “no” sull’iniziativa di ballottaggio del 2016 di vietare le attività di marijuana fino al dicembre 2019. Per le città che hanno votato “sì” nel 2016, qualsiasi divieto deve essere posto su Votazione per gli elettori, da approvare. L’aliquota massima delle imposte sulle vendite (che dipende dal fatto che le città adottino imposte locali facoltative) aumenteranno dal 12 al 20%. Sotto il disegno di legge l’imposta statale sarà 17% e l’opzione locale sarà del 3%.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*