Uso topico di Cannabis associato a miglioramento della gestione del dolore provocato da ferite

L’uso topico di cannabis ha il potenziale per migliorare la gestione del dolore associata a ferite, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Pain Management e pubblicato online prima della stampa dall’Istituto Nazionale di Salute .

“Il dolore associato a ferite integumentari è altamente prevalente, ma rimane un’area di significativo bisogno non soddisfatto all’interno dell’assistenza sanitaria”, afferma l’astratto dello studio.

“Attualmente gli oppioidi somministrati sistemicamente sono la base del trattamento. Tuttavia le pubblicazioni recenti stanno facendo scattare gli oppioidi in una luce negativa a causa del loro elevato profilo di effetti collaterali, dall’inibizione della guarigione delle ferite e all’associazione con sovradosaggio accidentale, creando incidenti spesso fatali. ”

Perciò “devono essere adottate nuove strategie analgesiche per il dolore legato alla ferita”.

I ricercatori affermano che i metodi ideali per il sollievo dal dolore per i pazienti affetti sono “modalità topiche, che non hanno effetti collaterali sistemici, non invasivi, auto-somministrati”; “Gli estratti derivanti dalla pianta di cannabis sono stati applicati alle ferite per migliaia di anni”.

La scoperta del “sistema endocannabinoide umano e la sua presenza dominante in tutto il sistema integrativo fornisce una piattaforma scientifica valida e logica per considerare l’uso di cannabinoidi topici per le ferite”.

In questo studio i ricercatori “stanno segnalando una serie prospettica di 3 pazienti con Pyoderma Gangrenosum (PG) trattati con Cannabis Topical Medical (TMC) composto in olio di girasole biologico non geneticamente modificato”.

Concludono che “l’analgesia clinicamente significativa associata all’uso ridotto di oppioidi è stata osservata in tutti e tre i casi. TMC ha il potenziale per migliorare la gestione del dolore in pazienti affetti da ferite di tutte le classi “.

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*