Le Isole Marianne settentrionali avviano il processo di legalizzazione della cannabis

Le Isole Marianne settentrionali potrebbero unirsi al gruppo dei territori nordamericani che hanno legalizzato la cannabis ricreativa.

Il territorio insulare degli Stati Uniti,  le Isole Marianne settentrionali (CNMI) , condurrà domani l’audizione della riforma della cannabis attraverso un comitato del senato. Se i loro sostenitori si conformeranno alle richieste, le Isole Marianne settentrionali potrebbero aderire agli otto stati più Washington DC che hanno approvato l’uso della cannabis ricreativa.

Il senatore repubblicano Sixto Igisomar ha già presentato il disegno di legge quest’estate e, se approvato e successivamente la sigillatura del governatore del territorio nel ballottaggio del novembre 2018, si potrebbe veder la legalizzazione effettiva.

Il progetto consentirebbe la coltivazione a casa di un massimo di 12 piante e consentirebbe il trasporto fino a 4 once (113 grammi) di cannabis per il consumo personale. I pazienti medici con licenza potrebbero ancora sviluppare più piante e le aziende potrebbero richiedere licenze commerciali fino alla metà del 2019.

L’anno scorso il senatore repubblicano Sixto Igisomar ha già presentato un altro disegno di legge simile, ma in quella occasione è stato eliminato prima di essere votato. In questa occasione c’è un’aria di ottimismo da parte dei sostenitori del disegno di legge.

“La legalizzazione non avverrà da sola. Noi come comunità abbiamo bisogno di impegnarci in modo attivo se vogliamo che ciò accada ” , ha dichiarato Gerry Palacios Hemley del sensible CNMI in un comunicato stampa. “Adesso è il momento di agire”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*