L’accesso alla cannabis ad uso medico può diminuire i tassi di rapina ed omicidio

Aumentare l’accesso alla cannabis ad uso medico potrebbe ridurre i tassi di omicidio e rapina, in base alle nuove ricerche del Dipartimento di Economia di Haverford College.

“La ricerca precedente ha analizzato gli effetti dell’applicazione delle leggi mediche sulla cannabis sui tassi di criminalità, ma questo documento è il primo a studiare come le dimensioni del mercato della cannabis influenzino i tassi di criminalità”, afferma l’astratto dello studio. Utilizzando i tassi di registrazione del paziente medico negli Stati da 1995 a 2015, il ricercatore principale Matthew Incantalupo ha utilizzato “un approccio differenziale per scoprire che un aumento percentuale di tassi di registrazione di uso di cannabis medico diminuisce i tassi di omicidio e di rapina di 0,03% e 0,02 %, rispettivamente, e non ha alcun effetto significativo su altri tipi di reati “.

Secondo lo studio, questi risultati “mostrano che aumentare la disponibilità legale della cannabis attraverso l’uso medico potrebbe ridurre i tassi di omicidio e di rapina, due crimini altamente associati al commercio illegale di droga”.

Uno studio dell’Università del Texas   pubblicato nel 2014 è giunto a una simile conclusione, trovando che l’emanazione di leggi che legalizzano la cannabis sono associate con riduzioni dei tassi di omicidio e rapina.

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*