Cannabis utile nel trattamento della Malattia di Parkinson

La cannabis è un’opzione efficace per i pazienti con malattia di Parkinson e altri disturbi del movimento, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista  Molecular Psychiatry.

“Cannabis e composti connessi sono stati recentemente studiati come promettenti agenti terapeutici per il trattamento di disturbi neurodegenerativi e del movimento, inclusa la malattia di Parkinson”, inizia l’astratto dello studio.

“In questa recensione abbiamo esaminato i potenziali vantaggi della cannabis ad uso medico e dei cannabinoidi nel trattamento dei sintomi sia motori che non motori, nonché nel rallentare la progressione della malattia. Abbiamo esaminato le prove scientifiche che indicano il potenziale uso di cannabis e / o composti connessi per il trattamento del PD “.

Secondo i ricercatori “I trattamenti attuali forniscono solamente sollievo dei sintomi motori e sono associati ad effetti avversi come la discinesia. Inoltre, queste terapie non rallentano la progressione della malattia. “Pertanto,” c’è urgente necessità di trattamenti più sicuri che possano trattare sia i sintomi motori che non motori e che rallentino la progressione della malattia “.

Lo studio afferma che gli studi di ricerca “hanno fornito prove per la potenziale efficacia della cannabis e dei suoi componenti nel trattamento e come i cannabinoidi agiscano sullo stesso percorso neurologico che è interrotto nella malattia di Parkinson. Il coinvolgimento del sistema endocannabinoide nella regolazione del comportamento del motore, la localizzazione dei recettori cannabinoidi nelle aree che controllano il movimento e l’effetto dei cannabinoidi sull’attività motoria indicano che i cannabinoidi possono essere potenzialmente utilizzati nel trattamento dei disturbi del movimento “.

I ricercatori affermano che la cannabis “ha dimostrato di migliorare i sintomi non motori come depressione, dolore, sonno e ansia. Inoltre, i componenti della cannabis hanno dimostrato di avere un effetto neuroprotettivo grazie alle loro proprietà anti-infiammatorie, antiossidanti e antiestitotossiche “.

Lo studio conclude che “Grazie alla combinazione di tali effetti benefici, la cannabis può fornire un’alternativa valida o aggiunta al trattamento attuale della malattia di Parkinson”.

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*