Studio: La cannabis è associata alla diminuzione della mortalità intra-ospedaliera nei pazienti con insufficienza cardiaca

Una storia di uso di cannabis tra i pazienti con insufficienza cardiaca è associata a una ridotta probabilità di mortalità in ospedale rispetto a individui simili che non usano la pianta, secondo  un nuovo studio  pubblicato online dalla rivista  Circulation .

Per lo studio i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre sei milioni di pazienti con insufficienza cardiaca per un periodo di sette anni. Hanno scoperto che i pazienti con una storia di uso di cannabis avevano meno probabilità di soffrire di fibrillazione atriale (battito cardiaco irregolare), che avevano tempi ospedalieri più brevi e, soprattutto, avevano meno probabilità di morire durante il ricovero in ospedale rispetto ai non utilizzatori.

“Il nostro studio ha mostrato che la cannabis riduce le probabilità di fibrillazione atriale nei pazienti con insufficienza cardiaca”, affermano i ricercatori.

“Vi è stata anche una riduzione della mortalità ospedaliera tra i pazienti ammessi per la diagnosi primaria di insufficienza cardiaca in DU (consumatori dipendenti dalla cannabis) e NDU (utilizzatori di cannabis non dipendenti) che non è stata spiegata da condizioni comorbili e dati demografici. Questo studio offre un’importante opportunità per esplorare il meccanismo preventivo della cannabis sulla fibrillazione atriale e il suo potenziale terapeutico nei pazienti con insufficienza cardiaca. ”

I risultati dello studio sono simili alla ricerca pubblicata lo scorso anno sulla rivista  Cancer Medicine che ha rilevato che “le probabilità di mortalità intraospedaliera erano significativamente ridotte tra gli utilizzatori di cannabis rispetto ai non utilizzatori in tutti i pazienti ospedalizzati e nei pazienti oncologici”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*