Il THC può trattare le malattie cardiovascolari indotte dal diabete

Secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista BioMed Research International , il tetraidrocannabinolo (THC) potrebbe essere “un potenziale nuovo bersaglio per il trattamento delle malattie cardiovascolari indotte dal diabete”.

“Lo scopo di questo studio era di determinare se la somministrazione cronica di basse dosi di un  agonista del recettore cannabinoide non specifico  potesse fornire effetti cardioprotettivi in ​​un modello di diabete mellito di tipo I”, afferma l’abstract dello studio.

“Il diabete è stato indotto in ratti Wistar-Kyoto maschi di otto settimane.

A seguito dell’induzione del diabete, il 9- tetraidrocannabinolo è stato somministrato mediante iniezione intraperitoneale (0,15 mg kg -1  giorno -1 ) per un periodo di otto settimane fino a che gli animali hanno raggiunto sedici settimane di età. ”

Al termine del trattamento, sono state effettuate “valutazioni della reattività vascolare e della funzione ventricolare sinistra ed elettrofisiologia, come pure marcatori sierici di stress ossidativo e perossidazione lipidica”. Secondo i ricercatori, “la somministrazione di Δ 9 -Tetraidrocannabinolo a animali diabetici ha ridotto significativamente la glicemia e le concentrazioni e le alterazioni patologiche attenuate nei marcatori sierici dello stress ossidativo e della perossidazione lipidica.

Cambiamenti positivi agli indici biochimici negli animali diabetici hanno migliorato la funzione miocardica e vascolare.

Questo studio dimostra che “la somministrazione cronica di basse dosi di Δ 9-tetraidrocannabinolo può provocare effetti anti-iperglicemici e antiossidanti negli animali diabetici, portando a miglioramenti nella funzione degli organi terminali del sistema cardiovascolare. ”

L’abstract si conclude affermando che “Le implicazioni di questo studio suggeriscono che  i recettori dei cannabinoidi potrebbero essere un potenziale nuovo bersaglio per il trattamento delle malattie cardiovascolari indotte dal diabete”.

Lo studio completo, condotto dai ricercatori della  Central Queensland University in Australia, può essere trovato sul sito Web del National Institute of Health degli Stati Uniti cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*