La Cannabis può aiutare a trattare il danno renale acuto

L’attivazione dei recettori CB2 del corpo – fatta naturalmente attraverso il consumo di cannabis – può aiutare a trattare il danno renale acuto, secondo un nuovo studio pubblicato dal  Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics .

“La lesione da Ischemia-riperfusione (IRI) è una causa comune di danno renale acuto (AKI), che è un problema crescente in clinica ed è stata associata ad un aumento dei tassi di mortalità”, afferma l’abstract dello studio.

“Attualmente, le terapie per trattare l’AKI non sono disponibili, quindi l’identificazione di nuovi bersagli che, previa diagnosi di AKI, può essere modulata per migliorare il danno renale è essenziale.”

In questo studio “un nuovo   agonista del recettore cannabinoide2 (CB2), SMM -295 [inteso a imitare gli effetti dei cannabinoidi naturali], è stato progettato, sintetizzato e testato in vitro e in silico. Il test in vivo dell’agonista CB2 è stato eseguito utilizzando un modello murino di IRI bilaterale, che è un modello comune per imitare l’AKI umano. ”

“La valutazione del danno istologico a 48 ore dopo la riperfusione ha dimostrato un danno tubulare ridotto in presenza di SMM-295”, affermano i ricercatori.

“Questo è stato coerente con i marcatori di plasma ridotti di disfunzione renale, cioè creatinina e NGAL, nei topi trattati con SMM-295. Meccanicamente, i reni trattati con SMM-295 hanno mostrato un’elevata attivazione di Akt con cellule TUNEL-positive ridotte rispetto al rene trattato con veicolo dopo l’IRI. ”

Lo studio si conclude affermando che “questi dati suggeriscono che l’attivazione selettiva del recettore CB2 potrebbe essere un potenziale bersaglio terapeutico nel trattamento dell’AKI”.

Lo studio completo, condotto da ricercatori presso l’Università del Mississippi e il Centro di Scienze della Salute dell’Università del Tennessee, può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*