Studio: la repressione sull’uso di cannabis è una forma di violenza strutturale

La repressione delle forze dell’ordine sulla cannabis sono una forma di “violenza strutturale”, e hanno effetti negativi sulla salute, sociale e benessere economico, secondo un nuovo studio pubblicato dalla  rivista International Journal of Drug Policy e pubblicato online dalla US National Institute of Salute.

“C’è abbondante letteratura sull’impatto delle forze dell’ordine sui   mercati della cannabis , ma poca letteratura sugli effetti delle forze dell’ordine sui   consumatori di cannabis “, inizia l’abstract dello studio, condotto dai ricercatori dell’University of Uyo Post Officein Nigeria . “Questo studio ha intrapreso un’analisi qualitativa delle repressioni della polizia come forma di violenza strutturale e ha esaminato il loro impatto sul benessere degli  utenti di cannabis di strada  in una città nigeriana”.

Lo studio era “qualitativo e descrittivo” ed è stato condotto a Uyo, nel sud della Nigeria. Hanno partecipato 97  consumatori abituali di  cannabis (78 maschi e 19 femmine), di età compresa tra 21 e 34 anni. I dati sono stati raccolti attraverso approfondite interviste individuali, condotte su sei mesi. L’analisi dei dati è stata tematica e guidata dai dati, coinvolgendo temi di identificazione, assegnazione di codici, codici di revisione e verifica da parte di esperti di metodologia qualitativa indipendente.

“I repressi della polizia sono comunemente sperimentati dagli  utenti di cannabis di strada  “, affermano i ricercatori. “Questi non riducono  l’  uso di cannabis , ma sostituiscono  i mercati della cannabis . I crimini sono associati alla brutalità della polizia, alla confisca dei fondi, alle droghe e ai beni, allo stigma e alla discriminazione, all’arresto e all’incarcerazione, che incidono negativamente sulla salute, sui mezzi di sussistenza e sul benessere dei  consumatori di  cannabis . Gli  utenti di cannabis cercano di sfuggire all’arresto correndo dalla polizia, smaltendo  cannabis , camuffandosi e, quando catturati, corrompendo gli agenti per ottenere il rilascio. ”

Lo studio si conclude affermando che; “I cracksdown costituiscono una forma di violenza strutturale nella vita quotidiana dei  consumatori di  cannabis e hanno effetti negativi sulla loro salute, sul loro benessere sociale ed economico. L’  uso di cannabis dovrebbe essere depenalizzato di fatto e arrestato gli utenti diretti a programmi di trattamento e di formazione delle competenze. I servizi terapeutici e sociali per gli utenti dovrebbero essere ampliati e dovrebbero essere installati interventi di assistenza legale per supportare gli utenti nell’affrontare le pratiche discriminatorie e le violazioni dei diritti umani “.

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*