Anche le Mixed Martial Arts rimuovono la cannabis dalle sostanze dopanti

L’UFC, Ultimate Fighting Championship, e l’Agenzia antidoping degli Stati Uniti hanno annunciato che la cannabis non sarà più vietata per i lottatori di questa disciplina. I funzionari di UFC e USADA hanno infatti affermato di aver apportato cambiamenti significativi “nella gestione della cannabis e dei suoi composti cannabinoidi presenti in natura”.

Cosa cambia?

Secondo la nuova politica, per gli atleti delle mixed martial arts, in acronimo MMA, avere i test positivi per il carbossi-THC non rappresenterebbe più una violazione “a meno che non esistano prove aggiuntive che un atleta lo abbia usato intenzionalmente per scopi di miglioramento delle proprie prestazioni”.

L’idea è quella di non incentivare l’uso di cannabis, ma anche di aver compreso che molti lottatori ne fanno uso per dolori cronici, ma che questo non influisce in alcun modo sulle prestazioni. 

“La linea di fondo è che per quanto riguarda la marijuana”, ha detto il vicepresidente UFC per la salute e le prestazioni degli atleti Jeff Novitzky, “ci preoccupiamo di ciò che un atleta ha consumato il giorno di un combattimento, non giorni o settimane prima di un combattimento, come è stato spesso il caso nei nostri casi storici positivi di THC”.

Novitsky ha detto che nonostante il tempo che il THC rimane nel corpo può durare molte settimane, gli effetti della cannabis si fanno sentire per ore, non per giorni. Ha anche notato che non esiste alcuna correlazione tra il livello di THC nel corpo di un atleta e la disabilità.

“Perché diavolo ci dovrebbe interessare quello che qualcuno ha fatto una settimana prima? Non ci interessa neanche cosa ha fatto la sera prima, visto che non ha alcun effetto sulla loro capacità di combattere”, ha aggiunto Novitzky.

Elevato onere della prova

Novitzky ha detto che per punire un combattente, l’USADA dovrebbe dimostrare che l’atleta è stato indebolito dalla cannabis immediatamente prima di un combattimento al fine di imporre una punizione. “Non riesco a pensare a un caso in nessun caso storico in cui tale prova sia stata presente”, ha detto Novitzky. “Probabilmente richiederebbe segni visivi: per esempio se gli atleti si presentassero a un evento inciampando, odorando di marijuana, con occhi iniettati di sangue o cose del genere. E questo è qualcosa che raramente, se non mai, vedi. Sicuramente non è mai successo nei miei sei anni con l’UFC. ”

Novitzky ha osservato che, sulla base di discussioni con gli atleti, una percentuale significativa di combattenti usa la cannabis, molti per scopi medici piuttosto che ricreativi.

“Molti lo usano per il controllo del dolore, l’ansia, per dormire, al posto di droghe più pericolose e che creano dipendenza”, ha detto, aggiungendo” non ha alcun effetto su una competizione di sabato sera, quindi è la mossa giusta, e io sono davvero entusiasta di questa revisione e di quel cambiamento politico specifico. ”

“Questa modifica è progettata per dare la priorità alla salute e alla sicurezza dei combattenti non punendo i combattenti che potrebbero aver bisogno di cure per l’abuso di sostanze, il che potrebbe portare a un combattente compromesso e mettere a repentaglio la sua sicurezza nell’Ottagono”, ha detto l’USADA in un comunicato stampa.

Ecco come ha festeggiato uno dei più famosi atleti di questa disciplina, Matthew Riddle lottatore di MMA:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*