Argentina: tra nuovi orizzonti e questioni in sospeso

La Repubblica Argentina è attualmente in un processo di avanzamento legale delle normative sulla cannabis. Con un nuovo regolamento della Legge sulla Cannabis Medica e due proposte di legge presentate al Congresso rispettivamente per la canapa industriale e la cannabis per la salute, resta lo slancio del dibattito sull’uso ricreativo della pianta.

Progressi nella cannabis per la salute

Negli ultimi anni, la cannabis medicinale ha assunto un ruolo importante nell’agenda sociale, mediatica e legislativa dell’Argentina. Nel 2017 è stata approvata la Legge 27350, che prevede la ricerca sulla cannabis per la salute e ha autorizzato il trattamento con cannabis per l’epilessia refrattaria. Sebbene fosse considerato un progresso, la legislazione non ha soddisfatto gli obiettivi delle organizzazioni legate all’uso terapeutico della cannabis.

Con l’inaugurazione del governo guidato dal presidente Alberto Fernández, il Ministero della Salute della Nazione ha avviato all’inizio del 2020 la stesura di una bozza per stabilire un nuovo regolamento che espanda le patologie contemplate dalla legge 27350, in collaborazione con le organizzazioni. Il 12 novembre, infine, la Direzione ha firmato il decreto del nuovo regolamento che, oltre all’espansione delle patologie, consente l’autocoltura per scopi medicinali, la vendita di oli di cannabis nelle farmacie e la produzione pubblica.

Il ministro della Salute Ginés González García ha assicurato che “a metà gennaio abbiamo rilevato i danni causati da uno stato assente. La domanda non è stata soddisfatta e l’accesso non è stato garantito” alla cannabis per uso terapeutico.

Le organizzazioni civili che lottano per una legge sulla cannabis medicinale che garantisca il diritto a trattamenti economici e sicuri hanno celebrato la nuova misura. Mamá Cultiva, uno dei maggiori riferimenti nella zona, ha descritto il regolamento come un grande progresso per una Legge più ampia che rompe con la logica pregiudizievole generata dal divieto. “Questa nuova fase della 27350 inizia a riparare l’ingiustizia della persecuzione e stigmatizzazione della pianta di cannabis, che ha portato la qualità della vita a molte persone”, hanno espresso dall’organizzazione.

Le prospettive per la cannabis per uso medicinale nel paese sono più che promettenti, ma mancano ancora elementi importanti per consolidare il settore. Per questo c’è un’iniziativa nel Congresso nazionale proposta dalla deputata del Frente de Todos Carolina Gaillard, che contiene un quadro più ampio e completo in materia.

Uno degli aspetti più rilevanti del progetto è quello che affronta l’importanza di generare le condizioni per sviluppare l’industria della cannabis per la salute, comprendendola come una vera fonte di occupazione e, potenzialmente, guadagni in valuta estera in Argentina. “Il Congresso cerca di creare un quadro giuridico in base alle esigenze dell’intero paese per il suo sviluppo, al fine di consentire la coltivazione, la produzione, la commercializzazione e l’esportazione”, ha detto Gaillard.

Nella fondazione del disegno di legge si afferma che la Legge 27350 “era limitata in termini di sviluppo scientifico e produttivo che permette di promuovere la propria ricerca in maniera efficiente e finanziata, soddisfacendo la domanda, migliorando gli standard di qualità dei prodotti e promuovendo investimento e implementazione di tecnologie a tal fine”.

Qual è la situazione della canapa industriale in Argentina?

La coltivazione della canapa è vietata dalla legge nel paese, sebbene possano essere localizzate alcune aziende produttrici di canna da zucchero che importano la materia prima. Il settore afferma che è essenziale emanare una legge che consenta non solo la coltivazione della pianta, ma anche la spinta statale alla sua industrializzazione attraverso normative che non regolamentino eccessivamente l’attività.

La deputata Mara Brawer, del Frente de Todos, ha presentato al Congresso un disegno di legge per lo sviluppo produttivo della canapa, canapa industriale e / o orticola, attualmente disponibile per il dibattito nelle Commissioni Legislazione Generale e Agricoltura e Allevamento di bestiame.

La proposta è stata elaborata in collaborazione con il Ministero dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca della nazione e l’Istituto nazionale delle sementi (INASE), insieme a organizzazioni civili, come Proyecto Cáñamo e la Camera argentina della cannabis.

È importante notare che l’iniziativa definisce come canapa la pianta di Cannabis sativa con un massimo dell’1% di THC. Ciò consentirà ai produttori un margine per lavorare con l’impianto e tiene conto dell’incipiente sviluppo dell’industria in Argentina.

Allo stesso modo, prevede lo sfruttamento dell’intero impianto a fini industriali e pone il Ministero dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca della nazione e le sue entità decentrate come autorità di contrasto per quanto riguarda le licenze di produzione, commercializzazione e esportazione.

Nei fondamentali presentati nel disegno di legge, la canapa si colloca come “un’ottima alternativa produttiva per diversificare e rilanciare il settore agricolo, in particolare in un Paese altamente gerarchico in materia come il nostro, considerando i diversi settori economici; da grandi aziende ma anche da piccoli produttori e cooperative di agricoltura familiare, contadina e autoctona”.

Matías Kulfas, Ministro dello sviluppo produttivo, ha dichiarato pubblicamente che l’industria legata alla cannabis “è un’attività che può generare molto sviluppo all’interno del paese con uno sbocco per l’esportazione” e ha ribadito che “la cannabis ha usi industriali molto importanti e comprendiamo che può essere un’area di sviluppo produttivo che può comportare un’importante riconversione per alcune province in termini produttivi”, oltre ad essere “un input per il settore industriale in grado di generare dollari per l’Argentina”.

Cannabis ricreativa: l’argomento in sospeso

In Argentina, il possesso di piante, semi o fiori per uso ricreativo è punibile fino a 15 anni di reclusione come stabilito dalla Legge 23737, in vigore dal 1989.

Nell’agosto 2009, la Corte Suprema di Giustizia della Nazione ha dichiarato l’incostituzionalità del secondo comma dell’articolo 14 della suddetta legge, che sanziona il possesso di marijuana per uso personale nella sfera privata. La decisione è stata pubblicamente nota come “Arriola Failure”; tuttavia, questo precedente non cambia la legge e, attualmente, una persona può essere arrestata.

L’accordo per la regolamentazione legale della cannabis, un insieme di oltre 30 organizzazioni di cannabis, diritti umani, violenza sociale, medica e istituzionale in Argentina, ha presentato 5 punti fondamentali per affrontare la legislazione che considera la questione da una prospettiva sanitaria pubblico:

  1. La regolamentazione legale della cannabis in Argentina per le persone di età superiore ai 18 anni è una misura necessaria e urgente, che deve essere basata sul rispetto delle libertà individuali e delle pratiche culturali. Questo regolamento mira a ridurre al minimo le conseguenze del traffico di droga e proteggere la salute pubblica, non a promuovere il consumo.
  2. Sia il consumo responsabile della cannabis e dei suoi derivati ​​sia il suo accesso a condizioni che implichino la massima riduzione di rischi, danni e vulnerabilità costituiscono l’obiettivo principale delle politiche pubbliche in materia. Restrizioni simili a quelle in vigore per il tabacco potrebbero applicarsi alla cannabis.
  3. La cannabis è la sostanza psicoattiva più utilizzata nel paese dopo l’alcol e il tabacco. Le caratteristiche del mercato garantiscono un sistema di produzione, distribuzione e commercializzazione su larga scala che soddisfi la domanda esistente e sia sufficientemente rigoroso da salvaguardare gli scopi sanitari della regolamentazione.
  4. L’auto-coltivazione e i club sociali o le modalità cooperative per produrre cannabis dovrebbero essere protette dalla regolamentazione, così come la disponibilità di semi. Sono pratiche costituzionalmente protette che consentono anche l’accesso democratico e bilanciano il prezzo di mercato.
  5. La regolamentazione legale della cannabis presuppone la non criminalizzazione dei comportamenti associati al consumo. Ciò vale anche per il resto delle sostanze psicoattive, come sostiene la sentenza Arriola della Corte Suprema di Giustizia della Nazione. In caso contrario, i diritti umani degli utenti di queste sostanze continueranno a essere limitati.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*