spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Australia, una nuova era per la cannabis?

Mentre l'Australia si avvicina alla presentazione del rapporto della Commissione per la Legislazione sugli Affari Legali e Costituzionali riguardo la legalizzazione della cannabis, emergono...
HomeCannabisA 30 anni dal Referendum sulla depenalizzazione: C'è chi ha detto Sì

A 30 anni dal Referendum sulla depenalizzazione: C’è chi ha detto Sì

A 30 anni dal referendum per la depenalizzazione del consumo personale, vogliamo fare un punto con chi fu in prima linea per l’unico referendum sulle sostanze stupefacenti che è riuscito a passare il vaglio della Corte Costituzionale. Ricordiamo infatti che sono 4 i referendum in tema di droghe che sono stati tentati nel nostro paese, l’ultimo nel Settembre del 2021, bloccato poi l’anno scorso da Giuliano Amato.

La causa? Le convenzioni Internazionali, secondo l’allora Presidente della Corte Costituzionale.

Gli italiani 30 anni fa dissero Sí! Sí alla modifica della legge ultra proibizionista del 1990 Iervolino-Vassalli sulle droghe che portò, almeno sulla carta, all’abrogazione delle parti più crudeli di quella legge, la galera per i consumatori di sostanze.

Oggi diretta facebook a partire dalle ore 17.

Ne parleranno:
Roberto Spagnoli (vice caporedattore di Radio Radicale che cura dal 1991 il Notiziario Antiproibizionista)
Franco Corleone (fondatore di Forum Droghe e Società della Ragione ONLUS, allora deputato del Partito Radicale, relatore di minoranza della legge sugli stupefacenti)
Marco Taradash (co-fondatore e primo segretario del Coordinamento Radicale Antiproibizionista a fine anni ‘80, membro di Direzione di +Europa)
Rita Bernardini (Presidente di Nessuno tocchi Caino, già presidente del consiglio generale del Coordinamento Radicale Antiproibizionista)
Stefano Anastasia (co-fondatore Associazione Antigone)

Coordinatori: Luca Marola e Federica Valcauda

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img