spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Tel Aviv ospita la Quarta Conferenza Internazionale sulla Cannabis Medica

Il 9 e 10 settembre, Tel Aviv sarà il palcoscenico della quarta edizione della conferenza internazionale sulla cannabis medica, CannX. Questo evento riunirà professionisti...
HomeCannabisGuerra in Ucraina: la cannabis al centro dell'attenzione per il trattamento dei...

Guerra in Ucraina: la cannabis al centro dell’attenzione per il trattamento dei veterani

dalla BBC, by Paul Adams (Corrispondente Diplomatico BBC a Kyiv)

In un modesto appartamento di Kiev, i soldati fuori servizio si incontrano per fumare cannabis e dimenticare, per un momento, ciò che hanno visto. Non vogliono essere identificati. La droga è malvista nell’esercito, anche qui, lontano dal fronte.Uno dei soldati è in cura per disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

“Per me la cannabis è utile”, dice. “Senza non riesco a dormire. Mi aiuta a rilassarmi. Tutti dovrebbero poterlo avere.”

Dopo 18 mesi di guerra su vasta scala, e prima ancora otto anni di conflitto latente, le ferite fisiche e psicologiche dell’Ucraina sono profonde. Le risorse dello Stato sono al limite.La guerra ha innescato un’epidemia di dolore e traumi, sia tra i soldati che tra i civili.L’anno scorso, il Ministero della Salute ha stimato che il 57% degli ucraini era a rischio di sviluppare un disturbo da stress post-traumatico.

Ma la cannabis, ampiamente accessibile per strada e depenalizzata in piccole quantità per uso personale, non è ancora disponibile per la ricerca medica, nonostante le prove che possa aiutare.

Al Centro Forest Glade per la salute psicologica e la riabilitazione dei veterani, appena fuori Kiev, il trattamento assume molte forme. In una stanza, un soldato gioca a un videogioco mentre un medico monitora la sua attività cerebrale. Altrove c’è l’agopuntura, la terapia fisica e la consulenza di gruppo.

Ma lo staff dice che hanno bisogno di più strumenti: “I nostri soldati in prima linea hanno bisogno di armi diverse e potenti. Per noi è esattamente la stessa cosa”, afferma Kseniia Vosnitsyna, direttrice di Forest Glade. “Anche noi abbiamo bisogno di un arsenale. Quanto più ampio è, tanto più efficace potrà essere il nostro trattamento.”

La signora Vosnitsyna è tra coloro che spingono affinché la cannabis, l’MDMA (ecstasy) e le sostanze psichedeliche come la psilocibina vengano esplorate nel trattamento delle lesioni cerebrali traumatiche e del disturbo da stress post-traumatico. Dice che molti veterani si stanno già automedicando.

“Lo prendono non per sballarsi, ma per liberarsi dei sintomi che li disturbano,” dice. “Certo che spesso lo fanno più del necessario, ma al momento non c’è altro modo. Purtroppo.” Danylo Yevtukhov afferma che fumare cannabis gli ha fatto superare alcuni dei suoi giorni più bui. Ha subito terribili ustioni al viso e alle mani durante l’assedio russo di Chernihiv, nel nord dell’Ucraina, nelle prime settimane di guerra.Sette operazioni e 18 mesi dopo, indossando un berretto e occhiali colorati per proteggere i suoi occhi danneggiati, è quasi un dato di fatto quando ricorda il dolore lancinante.

“Tutti conoscono il dolore quando brucia. Moltiplicalo per 20 o 50”, dice Danylo quando ci incontriamo in un parco nel quartiere Podil di Kiev. “È stato terribile perché era sulla mia faccia.”

Il parco è piccolo ma pieno di ricordi e di conflitti.

Ad un’estremità, una targa commemora i soldati ucraini morti mentre combattevano per l’esercito sovietico in Afghanistan. Dall’altro, c’è una croce per ricordare le persone uccise in Ucraina dal 2014, quando scoppiarono i combattimenti nella regione sud-orientale del Donbass. All’inizio, Danylo afferma che la cannabis era più efficace degli antidolorifici. Lo ha aiutato a dormire, mangiare e sentirsi meno nervoso.

“È stato come poter staccare la spina. Quando pensavo ai miei infortuni, ho pensato ‘sì, è doloroso’, ma la mia attenzione ha iniziato a essere più flessibile”.

I medici, ha detto, generalmente chiudono un occhio. In tutto il mondo, la ricerca suggerisce da tempo che la cannabis può essere utile nel trattamento del dolore e del disturbo da stress post-traumatico. Ma qui in Ucraina la legge si mette di mezzo. È vietata la produzione di marijuana, anche per la ricerca medica.

Il professor Viktor Dosenko dell’Accademia nazionale delle scienze è frustrato.

“Dobbiamo fare ricerca clinica, per ottenere prove più convincenti che funzioni”, dice, “perché siamo davvero l’epicentro globale del disturbo da stress post-traumatico”.

“Purtroppo nessuna di queste ricerche è mai stata fatta in Ucraina perché abbiamo una legge che lo vieta.”

Il presidente Volodymyr Zelenskyj vuole cambiare la legge. Rivolgendosi al parlamento il 28 giugno, ha chiesto la legalizzazione della medicina a base di cannabis, della ricerca scientifica e di quella che ha definito “produzione ucraina controllata”.

“Tutte le migliori pratiche del mondo… non importa quanto difficili o insolite possano sembrarci, dovrebbero essere applicate in Ucraina in modo che gli ucraini, uomini e donne… non debbano sopportare il dolore, lo stress e il trauma della guerra”, ha detto con passione evidente.

Un progetto di legge volto a creare un’industria nazionale regolamentata per la cannabis terapeutica è stato approvato in prima lettura a metà luglio, ma non ha modificato lo status della cannabis come sostanza proibita, causando una diffusa confusione. Ha inoltre vietato l’importazione di materie prime fino al 2028, cosa che secondo i critici non aiuterà ad affrontare l’attuale emergenza.

“La legge oggi non serve ad aiutare le persone”, dice Serhiy Vlasenko, del partito di opposizione Patria.

“La legge riguarda la coltivazione della marijuana in Ucraina e la creazione di un grande business, un business privato.”

Con il Paese nel mezzo di una crisi esistenziale e la polizia spesso accusata di corruzione, Vlasenko ritiene che le riforme proposte dal presidente Zelenskyj siano pericolose.

“Oggi, in periodo di guerra, tali attività rischiose dovrebbero essere controllate direttamente dal governo”, afferma. Senza rigidi controlli governativi, ritiene Vlasenko, la legge potrebbe diventare un veicolo di corruzione e attività criminale. Secondo un recente sondaggio d’opinione, il 70% degli ucraini è favorevole alla legalizzazione della cannabis per scopi medici.

Ma con il governo diviso su come andare avanti – il ministero della Salute a favore della produzione su licenza e il ministero dell’Interno contrario al progetto di legge – non c’è alcun segno evidente di una soluzione. Per coloro che cercano sollievo dal dolore e dai traumi, l’automedicazione rimane, per ora, l’unica opzione.

 
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img