spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Australia, una nuova era per la cannabis?

Mentre l'Australia si avvicina alla presentazione del rapporto della Commissione per la Legislazione sugli Affari Legali e Costituzionali riguardo la legalizzazione della cannabis, emergono...
HomeCannabisCannabis terapeutica: all'interno della prima sala vaporizzazione legale dell'Irlanda del Nord

Cannabis terapeutica: all’interno della prima sala vaporizzazione legale dell’Irlanda del Nord

Articolo tratto da BBC News di Alan Haslam

In un bar della contea di Antrim, c’è un’alta probabilità di trovare qualcuno che usa apertamente cannabis insieme al caffè mattutino. Cannabis medica, non ricreativa!

Alan Robinson possiede la prima sala di svapo legale di cannabis terapeutica dell’Irlanda del Nord, Stay Medicated, a Ballyclare, dove 227 membri possono fare proprio questo, legalmente.

“Non devi finanziare la criminalità organizzata, non devi uscire all’angolo della strada e rischiare di essere sfruttato o derubato”, ha detto a BBC News NI. Come i suoi clienti, Alan è un paziente privato di cannabis terapeutica, il che significa che paga per intero le sue prescrizioni. I medici possono prescrivere cannabis dal novembre 2018 dopo diversi casi di alto profilo in cui le condizioni dei pazienti sembravano essere migliorate dal farmaco.

All’epoca, il Dipartimento della Salute (DoH) aveva avvertito che le modifiche alla legge “non aprono la strada alla legalizzazione della cannabis” e che si applicano ancora sanzioni per fornitura e possesso non autorizzati.

“Quando abbiamo aperto abbiamo scoperto che c’erano molte persone in Irlanda del Nord che non avevano idea che la cannabis fosse legale su prescrizione privata,” ha detto Alan. I membri Stay Medicated hanno prescrizioni private per la cannabis terapeutica, relative al trattamento di una serie di condizioni di salute fisica e mentale. Un cartello sopra la cassa recita: “Non vendiamo cannabis, per favore non chiedere“.

La cannabis medica utilizza l’intera pianta di cannabis, che include il composto THC, la parte che può far sentire le persone sballate. Attualmente ci sono 31 centri di prescrizione privati ​​in tutto il Regno Unito, che hanno emesso più di 140.000 prescrizioni tra novembre 2018 e 2022, tutte ottenute attraverso il settore privato. Il problema è che a meno di cinque pazienti del servizio sanitario nazionale in Irlanda del Nord è stato somministrato il medicinale. Il governo ha affermato che la sicurezza deve essere dimostrata prima di poter ottenere la licenza ufficiale.

Nel negozio di High Street, i clienti devono mostrare i dettagli della prescrizione e l’uso del tabacco è severamente vietato:

Quando hai una prescrizione, c’è una miriade di varietà e potenze, fiori e oli da provare: puoi collaborare con una clinica per trovare la varietà che funziona per te personalmente,” ha detto Alan.

Si stima che il mercato della cannabis terapeutica nel Regno Unito varrà 1 miliardo di sterline nel 2024. Una nuova fabbrica di cannabis medica dovrebbe aprire l’anno prossimo alla periferia di Belfast, la prima sull’isola d’Irlanda. La società dietro la fabbrica, Growth Industries, la descrive come una “struttura ad alta sicurezza e climatizzata che consente un accesso facile e veloce alle reti di distribuzione”.

Louise McConnell, una nonna di 56 anni di Londonderry, spende circa 240 sterline al mese dei suoi soldi per una ricetta privata. Usa una varietà di ceppi di cannabis durante il giorno per gestire la sindrome ipermobile di Ehlers-Danlos (hEDS) , una rara condizione genetica che colpisce i suoi tessuti connettivi.

Prima di iniziare ad usare il medicinale, Louise disse che aveva bisogno di prendere 57 pillole ogni giorno:

Non avrei vita senza la cannabis” – ha detto – “Con i tablet, passavo la giornata a letto. Ora coltivo le mie verdure e sono fuori a piantare alberi da frutto. La medicina della cannabis mi ha permesso di vivere e godermi la vita al meglio delle mie capacità.” Tuttavia, la vita come consumatrice di cannabis terapeutica non è stata facile per Louise: “Lo stigma è stato orrendo” – ha detto – “Ma il mio corpo ne ha passate così tante che non ho bisogno di litigare con le persone per ciò che scelgo come medicina. Scelgo una pianta invece dei prodotti farmaceutici e funziona.”

Per poter beneficiare di una prescrizione per motivi di salute mentale, i pazienti devono avere almeno due trattamenti precedenti. Il Dipartimento della Salute ha affermato che i medici specialisti possono prescrivere prodotti a base di cannabis per uso medico (CBPM) solo “dove clinicamente appropriato”.

“Come qualsiasi medicinale non autorizzato, i CBPM non autorizzati possono essere prescritti solo su base nominativa per pazienti per indicazioni in cui vi è chiara evidenza di beneficio, dove esiste una necessità clinica che non può essere soddisfatta da un medicinale autorizzato e dove le opzioni terapeutiche consolidate sono state esaurite “, ha detto un portavoce.

I consigli del Servizio Sanitario Nazionale sui prodotti a base di cannabis per i pazienti in Irlanda del Nord possono essere trovati qui .

 

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img