No, la cannabis non cura il Coronavirus

Se anche voi siete incappati in questa notizia, ve lo diciamo subito: è una bufala.

Non ci sono evidenze scientifiche che dimostrino che la cannabis può sconfiggere il virus che sta facendo paura a tutto il mondo. Anzi, come già sapete, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che “non esiste ancora alcuna medicina specifica raccomandata per prevenire o curare il nuovo corona virus”. Neanche la nostra amata pianta.

Ma cosa è successo?

In questi giorni sui social è apparso uno screenshot che recita: “BREAKING NEWS: WEED KILLS CORONAVIRUS”. Non mostra il nome del programma che lo avrebbe mandato in onda ma il titolo e il sottotitolo non lasciano dubbi sul contenuto del post. Ed è subito diventato virale. Postato milioni di volte ha fatto il giro del mondo, alimentando una falsa speranza e mettendo in giro una vera e propria fake news.

Per quanto ci piacerebbe che fosse vero, la notizia è quindi palesemente falsa.

La cannabis può servire?

Ciò che sarebbe stato appurato con certezza da un gruppo di neuroscienziati della Vanderbilt University, negli Stati Uniti, è che la cannabis può aiutare il cervello a rilassarsi in momenti di stress.

Troppo lavoro, pressioni familiari, traumi e paure sono tutte sorgenti di stress che possono causare veri e propri disturbi di ansia.

La chiave, dice lo studio, è una molecola, sigla “2-AG”, che nel cervello risulta attivare gli stessi recettori messi in azione da alcuni dei composti presenti nella cannabis. Per questo, il risultato potrebbe aiutare a spiegare perché alcune persone utilizzano la marijuana quando sono in ansia o sotto stress, scrivono gli autori sulla pagina dell’università.

Insomma forse la cannabis può aiutare nel trattare la psicosi da corona virus ma non certo la malattia!

One Comment

  1. Pingback: Isolamento da Coronavirus: in Olanda tutti in fila ai coffeshop - BeLeaf

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.