spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Fibra di cocco: tutto quello che devi sapere

Nonostante fosse riconosciuto da molto tempo che l'umile noce di cocco potesse effettivamente essere una base fantastica su cui far crescere una pianta, il...
HomeCannabisUSA: Congresso sulla cura della salute mentale con gli psichedelici

USA: Congresso sulla cura della salute mentale con gli psichedelici

I legislatori della Camera si incontreranno domani per quella che si ritiene essere la prima udienza del Congresso incentrata sulla terapia assistita da psichedelici per la salute mentale dei veterani.

La sottocommissione per gli affari dei veterani della Camera sulla salute, era originariamente prevista per incontrarsi il 19 ottobre per discutere la questione, ma l’udienza è stata rinviata poiché i repubblicani si sono affrettati per eleggere un portavoce della Camera. 

Domani inizierà il congresso intitolato “Terapie emergenti: scoperte rivoluzionarie nella battaglia contro il suicidio?”. Dopo il rinvio dell’incontro del mese scorso, due nuovi testimoni sono stati aggiunti al calendario. Uno è Brett Waters, co-fondatore e direttore esecutivo del gruppo di difesa Reason for Hope, che lavora per espandere l’accesso alle medicine psichedeliche per ridurre le morti dovute alla disperazione.

Waters, che ha perso sia la madre che il nonno, un pilota di caccia nella seconda guerra mondiale, a causa del suicidio, è anche un ex presidente delle politiche e della difesa della American Foundation for Suicide Prevention.

L’altra testimone appena aggiunta è Juliana Mercer, una veterana del Corpo dei Marines che ora guida la difesa e le politiche pubbliche presso l’organizzazione no-profit Healing Breakthrough, che aiuta i veterani ad accedere alla terapia assistita da MDMA per curare il disturbo da stress post-traumatico.

Tra gli altri che parleranno figurano tre funzionari del Department of Veterans Affairs (VA), un veterano che ha partecipato a uno studio clinico sull’MDMA che ha trattato con successo il suo disturbo da stress post-traumatico, il direttore operativo della Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies (MAPS) Public Benefit Corporation , professore di psicologia presso il Johns Hopkins Center for Psychedelic and Consciousness Research e co-direttore del RAND Epstein Family Veterans Policy Research Institute della RAND Corporation.

Tutti i testimoni, ad eccezione di Mercer, hanno già pubblicato le loro testimonianze online prima dell’udienza della sottocommissione .

Waters, che è stato aggiunto mercoledì con Mercer come testimone, ha presentato 32 pagine di testimonianze e materiale di supporto. Nei suoi commenti ai legislatori, ha scritto che cinque anni dopo la morte di sua madre, “non posso fare a meno di pensare che avrebbe tratto enormi benefici dalla terapia assistita dalla psilocibina. Questa è una delle tante domande persistenti con cui convivo e di cui non conoscerò mai la risposta”.

La testimonianza scritta di Waters sollecita il Congresso a sostenere il Breakthrough Therapies Act, una legislazione bipartisan che semplificherebbe la riprogrammazione delle “terapie innovative” designate a livello federale come la psilocibina e l’MDMA al fine di promuovere la ricerca e lo sviluppo di farmaci.

Waters sembra sostituire un altro testimone, il suo co-fondatore e CEO di Reason for Hope Martin Steele, che è un veterano del Corpo dei Marines e presidente della Veteran Mental Health Leadership Coalition.

Per la giornata di domani, i testimoni saranno divisi in due sessioni e gruppi. Il primo gruppo è composto da funzionari selezionati del VA, mentre il secondo è composto da stakeholder esterni.

Carolyn Clancy, assistente sottosegretario del VA per la salute per la scoperta, l’istruzione e le reti di affiliazione, ha affermato nei suoi commenti scritti che l’obiettivo principale dell’agenzia è la sicurezza dei veterani.

“Sulla base della nostra valutazione della letteratura fino ad oggi, c’è ancora molto da imparare, e molto ancora da capire, sui potenziali benefici dei composti psichedelici”, ha scritto. “Il nostro Dipartimento non si concentra solo sulla ricerca dei migliori trattamenti e cure innovativi, ma lo fa anche in modo sicuro”.

Clancy ha osservato che il mese scorso VA ha ospitato una cosiddetta conferenza sullo stato dell’arte all’inizio di settembre per affrontare due obiettivi principali. “Il primo obiettivo era comprendere meglio lo stato attuale delle prove scientifiche e identificare un quadro strategico per considerare la futura ricerca sui trattamenti psichedelici per determinate condizioni di salute mentale”, ha scritto. “Il secondo obiettivo era determinare i passi successivi necessari per una potenziale implementazione clinica a livello di sistema VA per i composti psichedelici per un potenziale uso futuro”.

Sebbene gli studi indichino che le sostanze psichedeliche possono aiutare a curare le condizioni di salute mentale, ha riconosciuto, una delle “lacune chiave nella ricerca” è come applicare il trattamento alla “popolazione unica e diversificata” di veterani che ricevono cure attraverso la Veterans Health Administration.Tra coloro che testimonieranno dall’esterno del governo c’è Frederick Barrett, professore presso il Johns Hopkins Center for Psychedelic and Consciousness Research. In commenti scritti, ha affermato che gli studi condotti dalla sua istituzione e da altri “stanno costruendo un crescente numero di informazioni che dimostrano sia la relativa sicurezza che la potenziale efficacia delle terapie psichedeliche in un’ampia gamma di indicazioni psichiatriche”.

“Questi studi sono stati finanziati quasi interamente dalla filantropia privata”, ha osservato. “Solo di recente il National Institute on Drug Abuse e il National Center for Complementary and Integrative Health hanno concesso un notevole finanziamento per la ricerca sull’uso clinico delle sostanze psichedeliche.”

Barrett ha affermato che i protocolli assistiti da sostanze psichedeliche necessitano ancora di ulteriore perfezionamento man mano che le terapie diventano più ampiamente disponibili, indicando i recenti studi clinici di Fase 3 sul potenziale dell’MDMA nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico .

Un altro testimone, Michael Mullette della MAPS Public Benefit Corporation, che ha condotto gli studi clinici che ora posizionano l’MDMA per una possibile approvazione da parte della FDA già l’anno prossimo , ha affermato che VA “ha l’opportunità di creare modelli di cura innovativi per garantire che i trattamenti per il disturbo da stress post-traumatico siano scalabili, accessibile e, soprattutto, con copertura tempestiva per i veterani bisognosi”.

Un certo numero di membri del sottocomitato, soprattutto repubblicani, hanno già espresso interesse per la riforma delle sostanze psichedeliche. Il rappresentante Jack Bergman (R-MI), ad esempio, è il  membro co-fondatore del Congressional Psychedelics Advancing Therapies (PATH) Caucus , un gruppo bipartisan rilanciato lo scorso marzo.

Un altro membro, il rappresentante Morgan Luttrell (R-TX), ha  condiviso pubblicamente come il trattamento con ibogaina e 5-MeO-DMT “ha cambiato la mia vita”  ed è stata “una delle cose più grandi che mi siano mai capitate”. All’inizio di quest’anno, lui e molti altri legislatori repubblicani si sono espressi a favore di un disegno di legge per creare un  programma di sovvenzioni federali da 75 milioni di dollari per sostenere la ricerca sul potenziale terapeutico delle sostanze psichedeliche  per determinate condizioni di salute tra i membri del servizio militare in servizio attivo.

E il presidente della sottocommissione della Camera, la deputata Mariannette Miller-Meeks (R-IA), ha condotto una tavola rotonda quest’estate per discutere le terapie emergenti per il disturbo da stress post-traumatico e l’abuso di sostanze.

I repubblicani sono stati particolarmente aperti alle storie dei veterani sugli effetti delle sostanze psichedeliche che cambiano la vita, soprattutto a livello federale. L’ex governatore del Texas Rick Perry (a destra) ha affermato in un recente documentario sulle sostanze psichedeliche per la salute mentale che i legislatori repubblicani sono più aperti alla riforma delle sostanze psichedeliche  rispetto ai democratici, almeno tra quelli al Congresso.

A livello statale, tuttavia, gli stati blu hanno preso l’iniziativa nella riforma delle sostanze psichedeliche. L’Oregon nel 2020  ha legalizzato la terapia con psilocibina  oltre a  depenalizzare il possesso di tutte le droghe . Lo stato  ha approvato il primo centro servizi legale per la psilocibina  lo scorso maggio.

E in Colorado, il governatore Jared Polis (D)  ha firmato un disegno di legge sulla regolamentazione delle sostanze psichedeliche a maggio , stabilendo le regole per una  legge sulla legalizzazione delle sostanze psichedeliche approvata dagli elettori l’anno scorso .

In California, nel frattempo, il governatore Gavin Newsom (D) ha recentemente posto il veto a un disegno di legge sulla legalizzazione delle sostanze psichedeliche. In un messaggio di veto, tuttavia, ha affermato che vuole che il legislatore gli invii  un nuovo disegno di legge l’anno prossimo che stabilisca linee guida per l’accesso terapeutico regolamentato alle sostanze psichedeliche  e consideri anche un quadro “potenziale” per una più ampia depenalizzazione in futuro.

Quest’estate i funzionari della California hanno autorizzato una campagna per avviare la raccolta di firme per  un’iniziativa elettorale del 2024 per legalizzare il possesso, la vendita e l’uso terapeutico regolamentato della psilocibina . È una delle due campagne nello stato che cercano di attuare la riforma sulle sostanze psichedeliche attraverso il processo elettorale del prossimo anno. L’altro, presentato formalmente il mese scorso, legalizzerebbe tutte le sostanze psichedeliche per uso medico, terapeutico e spirituale e consentirebbe la coltivazione domestica di piante e sostanze enteogene.

In tutto il paese, in Massachusetts, gli organizzatori della campagna hanno dichiarato la scorsa settimana di ritenere di aver raccolto abbastanza firme valide da costringere i legislatori a prendere in considerazione un’iniziativa di legalizzazione delle sostanze psichedeliche, la prima opzione per la riforma prima che gli attivisti si muovano per inserirla nel ballottaggio statale del 2024.

Nel frattempo, VA ha recentemente lanciato un nuovo podcast sul futuro dell’assistenza sanitaria ai veterani, con il suo primo episodio incentrato sul potenziale curativo delle sostanze psichedeliche .

Alcuni ritengono che l’agenzia non stia ancora facendo abbastanza per dare priorità alle terapie che coinvolgono sostanze controllate, anche se gli stati hanno legalizzato la marijuana medica e alcuni si stanno muovendo per legalizzare il possesso di alcune sostanze psichedeliche.

All’inizio di quest’anno, i legislatori della Camera hanno approvato un disegno di legge di spesa con una serie di  emendamenti incentrati sui veterani sulla marijuana e sulle sostanze psichedeliche . Uno consentirebbe ai medici del VA di fornire raccomandazioni sulla cannabis terapeutica agli ex militari, e l’altro incoraggerebbe la ricerca sul potenziale terapeutico delle sostanze psichedeliche.

Ad agosto, tre co-presidenti bipartisan del Congressional Cannabis Caucus hanno scritto al segretario del VA Denis McDonough esprimendo “profonda preoccupazione” per una recente direttiva sulla marijuana del VA che continua a vietare ai suoi medici di fornire raccomandazioni sulla cannabis medica ai veterani che vivono  in stati in cui è legale.

Il rappresentante Earl Blumenauer (D-OR), uno degli autori di quella lettera, ha recentemente inviato una lettera separata a McDonough e al segretario del Dipartimento della Difesa (DOD) Lloyd Austin criticando i loro dipartimenti per aver perpetuato una “negazione di servizi fuorviante” raccomandando  contro l’uso di marijuana medica da parte di veterani con disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

VA e DOD “hanno una lunga storia nel rivendicare il miglior interesse dei nostri veterani e membri del servizio solo per negare la realtà della marijuana medica come opzione terapeutica chiave per coloro che soffrono di disturbo da stress post-traumatico”, ha scritto, facendo riferimento alle linee guida congiunte di pratica clinica recentemente  aggiornate  che i dipartimenti hanno rilasciato a luglio.

In un recente panel ospitato dall’Università di Harvard con ex funzionari del VA e dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) , i relatori hanno ampiamente concordato sul fatto che le sostanze psichedeliche come l’MDMA e la psilocibina hanno un potente potenziale per aiutare a curare il disturbo da stress post-traumatico e a frenare i tassi di suicidio tra i membri del servizio, ma non messo in guardia contro l’uso frettoloso e senza supervisione di sostanze psichedeliche data la possibilità di ulteriori danni.

All’inizio di questo mese, il National Institutes of Health (NIH) ha annunciato che sta cercando proposte per sviluppare sostanze psichedeliche in trattamenti per il disturbo da uso di sostanze (SUD) , con l’intenzione di emettere 2 milioni di dollari in sovvenzioni per i progetti di ricerca durante l’anno fiscale 2025.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img