Fruitjoyz, l’unica infiorescenza CBG che profuma di fragola

Articolo a cura di Mystical

Quando si parla di cannabis e dei cannabinoidi responsabili dei suoi effetti, la maggior parte delle volte l’attenzione si concentra esclusivamente su CBD e THC.

Come ormai tutti gli affezionati di questa mitica pianta sanno benissimo, i celebri sopracitati sono solamente due degli oltre cento (ad oggi quelli isolati sono 113) cannabinoidi presenti nella cannabis, ognuno dei quali presenta caratteristiche specifiche e interagisce in modo differente con il nostro sistema endocannabinoide.

Fra gli altri 111 di cui solitamente non parla nessuno, c’è anche il Cannabigerolo, conosciuto come CBG. Scoperto oltre cinquant’anni fa, soltanto di recente ha iniziato a guadagnarsi una certa popolarità grazie al suo interessantissimo potenziale terapeutico.

Che cos’è il Cannabigerolo (Cbg)?

Il CBG, o Cannabigerolo, proviene dal CBGA e, come già specificato, è uno dei numerosi cannabinoidi presenti nella canapa. Il CBGA è la versione acida del CBG: durante il processo di crescita della pianta, il CBGA si combina con degli enzimi per la creazione del THCA o CBDA (le versioni acide dei due cannabinoidi).

Esattamente come il THC o il CBD, il CBG influisce sul corpo provocando una serie di effetti che lo stanno rendendo sempre più appetibile.

In che modo il CBG interagisce con il nostro corpo?

Che si tratti di THC, CBD, CBG o qualsiasi altro cannabinoide, tutte queste molecole vengono elaborate attraverso il sistema endocannabinoide. Tuttavia, non tutti i cannabinoidi vengono elaborati allo stesso modo. Il THC, ad esempio, si lega ai recettori CB1 presenti nel cervello. Il CBG invece interagisce con i recettori CB2 situati nell’intestino, nel tessuto connettivo e nel sistema nervoso.

Il CBG non ha proprietà psicotrope ma, secondo recenti ricerche scientifiche, sembra che numerosi problemi di salute possano essere trattati o alleviati attraverso il suo consumo.

Sebbene l’informazione a riguardo sia ancora limitata, la scienza ha fornito un’indicazione chiara sulla relazione tra il CBG e il conseguente sollievo dal dolore.

Uno studio del 2010, condotto sulle membrane cerebrali dei topi, ha identificato il cannabigerolo come un potente agonista dei recettori α2-adrenergici. Questo lo colloca in una classe di farmaci noti, tra l’altro, per gestire il dolore di varia origine e natura.

Una relazione scientifica del 2008, in cui si fa riferimento a uno studio del 1991, è giunta a una conclusione simile: il CBG è un analgesico ancora più potente del THC.

Fruitjoyz CBG: l’ultima arrivata di casa Mystical Italia

Noi di Mystical Italia abbiamo creduto sin da subito nelle potenzialità del CBG. Per questo abbiamo deciso di coltivare e produrre una nuova infiorescenza con percentuali significative di questa molecola.

La nostra Fruitjoyz CBG è stata selezionata nel gennaio 2019 per le sue caratteristiche organolettiche, ma soprattutto per la particolare resina che si dice “spolvera” mostrandoci una percentuale di CBG, che si aggira tra il 7-8%. L’abbiamo scelta anche per la sua rapidità di fioritura, circa sette settimane, in cui va a formare bud tondeggianti e molto compatti, con tricomi bianchi particolarmente cerosi.

Le perle sono sorrette da una pianta ben strutturata e vigorosa, che rimane bassa. Presenta internodi molto ravvicinati e rami secondari particolarmente corti, che formano un cespuglio pieno di buds bianchi caratterizzati da pistilli lunghi arancioni.

Queste perle, ricoperte di tricomi bianco panna che cadono con un minimo tocco, sprigionano un forte profumo di fragola dolce ben matura, con note di caramella zuccherata percepibile già dal primo impatto. L’insieme ricorda molto l’odore delle gomme da masticare.

Si tratta di un prodotto davvero unico sul mercato: stando a quanto ci dicono i nostri collezionisti, almeno in Europa non esiste un’altra infiorescenza, con percentuali significative di CBG, che sprigiona un così accentuato odore di fragola.

Chi è Mystical

Mystical è un’azienda agricola con sede a Firenze specializzata nella coltivazione di Canapa e Cannabis Sativa L., per la produzione e vendita di cannabis light, infiorescenze e talee di Cannabis Sativa L.

Coltiviamo esclusivamente nella nostra struttura situata nel Chianti, dove curiamo tutte le fasi del processo di crescita e selezioniamo accuratamente le infiorescenze e le talee che vengono confezionate, vendute e spedite.

La nostra tecnica di coltivazione organica avviene senza l’ausilio di macchinari invasivi per le piante, senza utilizzare prodotti chimici, fertilizzanti, pesticidi, irrigando con solo acqua filtrata e sfruttando impianti di illuminazione ed aerazione di ultima tecnologia, calibrati e progettati su misura per far nascere prodotti unici nel mercato.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*