Autofiorente o fotodipendente. Ecco il dilemma

Con l’inizio della stagione della semina, si aprono due possibilità per le varietà di autocoltivazione: varietà autofiorenti o fotodipendenti. Ma quale scegliere? Se non siete ancora sicuri, nel seguente articolo cercheremo di chiarire alcuni dubbi.

Come regola generale, la cannabis e la canapa sono piante da giorno corto, cioè fioriscono alla fine dell’estate, quando le notti durano più di 14 ore. Questo permette loro di produrre semi prima che muoiano a causa del freddo dell’inverno. Queste piante sono chiamate “fotodipendenti”, anche se molte persone si riferiscono a loro come “piante stagionali” o “piante non autofiorenti“.

A differenza delle piante fotodipendenti, le piante autofiorenti non dipendono da un fotoperiodo per fiorire. Le origini delle piante autofiorenti risalgono al XXI secolo. Incrociando il ceppo di Cannabis Ruderalis con ceppi di fotoperiodo si sono ottenuti ibridi che hanno mantenuto la principale qualità Lowryder (crescere e fiorire con pochissime ore di luce) e il meglio di quelli fotodipendenti; strutture ramificate, alte rese, odori e sapori più attraenti.

Ma quali sono le principali differenze tra le piante autofiorenti e quelle fotodipendenti, e quali sono i vantaggi di coltivare le une o le altre? Veniamo agli affari.

Vantaggi della coltivazione di piante autofiorenti

Ecco perché sarete felici di coltivare varietà autofiorenti

Raccolta veloce. Il tempo è denaro e ancora di più per chi è “ansioso” e non vede l’ora di assaggiare. Le piante autofiorenti hanno un breve periodo vegetativo di 3 o 5 settimane, il che rende possibile completare l’intero ciclo in 10 o 12 settimane. Questo non sarà possibile con i ceppi fotodipendenti cresciuti da seme. È possibile con le talee, ma a volte non è facile accedervi. Quindi, se volete il raccolto più veloce possibile, l’autofiorente è l’opzione migliore. Se state pensando che più breve è il tempo, più bassa è la qualità o la resa, vi sbagliate. Oggi troviamo sul mercato piante autofiorenti molto produttive, come Magnum, Deimos o Calamity Jane della Buddha Seeds.

Facile da coltivare. Le piante autofiorenti sono piante gestibili, sono facili da coltivare. Questo tipo di varietà di solito non cresce più di un metro di altezza, permettendo una coltivazione discreta nei balconi.

Resistenza all’inquinamento luminoso. Questo è un aspetto da prendere in considerazione. I ceppi autofiorenti, a differenza dei ceppi fotodipendenti, non hanno bisogno del buio totale per fiorire, quindi possono essere coltivati in luoghi dove c’è inquinamento luminoso (lampioni, se coltivati all’aperto).

Possono essere coltivati fuori stagione. Un altro aspetto molto importante, soprattutto se si vuole coltivare più di una volta all’anno.

Tolleranza al freddo, un fattore apprezzabile se si coltiva all’aperto in condizioni climatiche non molto favorevoli. A causa della genetica da cui provengono (Cannabis Ruderalis, da zone fredde con estati brevi) le piante autofiorenti sono più resistenti al freddo delle piante fotodipendenti.

Resistente: In generale, le varietà autofiorenti sono molto resistenti e meno soggette a fattori di stress, come lo stress luminoso.

Svantaggi delle piante autofiorenti

Ma non tutto sarà roseo. Ammettiamolo. Le piante autofiorenti non sono perfette. Ecco le ragioni principali:

Produzione inferiore. A causa delle loro dimensioni ridotte, le piante autofiorenti generalmente producono meno delle piante fotodipendenti.

Potenza inferiore. Le genetiche Ruderalis contengono pochi cannabinoidi, quindi le piante autofiorenti sono generalmente meno potenti di quelle fotodipendenti, anche se questi livelli aumentano ad ogni ciclo di riproduzione. Tuttavia, si possono trovare auto abbastanza potenti, come le genetiche autofiorenti di USA Collection Strains.

Purezza inferiore. Non saremo mai in grado di coltivare una pura indica o sativa autofiorente, avranno sempre una percentuale di ruderalis.

Non possono essere clonati. Le piante autofiorenti fioriscono indipendentemente dalle ore di luce che ricevono, quindi non è possibile tenerle madri in periodo vegetativo per un periodo indefinito, ma bisogna sempre partire dai semi. È possibile prendere una talea da una varietà autofiorente, ma non è affatto redditizio, perché fiorirà nello stesso momento in cui mette radici. I ceppi fotodipendenti, invece, possono essere tagliati e conservati per anni. Con un singolo seme fotodipendente possiamo coltivare le sue talee tutte le volte che vogliamo.

Non sono amici della potatura. A causa del loro breve periodo vegetativo, le piante autofiorenti non rispondono bene alla potatura. Dopo 3-5 settimane iniziano a fiorire a qualsiasi dimensione. Questo significa che avranno a malapena il tempo di reagire alla potatura e tutto ciò che otterremo sarà una minore produzione. In ogni caso, sarà sempre meglio fare un po’ di orientamento, anche se non è la cosa più appropriata da fare.

I trapianti non sono ammessi. Lo stress che una pianta autofiorente può subire si traduce in un ritardo nella sua crescita. Per questo motivo, si raccomanda di piantarli direttamente nel vaso definitivo, per non rallentare il loro sviluppo.

Maggiore consumo di elettricità: come abbiamo detto, le piante autofiorenti non dipendono da un fotoperiodo per fiorire, ma più luce ricevono durante la fase di fioritura, più ne produrranno. Il fotoperiodo comune per i ceppi fotodipendenti in fioritura è 12/12. I ceppi autofiorenti, invece, apprezzano un fotoperiodo di 18/6 o addirittura di 20/4. Questo significa un consumo mensile più elevato rispetto ai ceppi fotodipendenti.

Minore potenza: i paragoni sono odiosi, ma se confrontiamo una pianta fotodipendente con la sua versione autofiorente, vedremo che quest’ultima è meno produttiva.

Vantaggi delle piante fotodipendenti

Ecco alcuni argomenti che vi convinceranno che le piante fotodipendenti sono l’opzione migliore.

Maggiore produzione. Nella coltivazione all’aperto, le piante fotodipendenti hanno un periodo di crescita di diversi mesi, quindi è possibile ottenere piante molto più grandi e produttive. Questo è un buon motivo, mai detto meglio che fatto. Kraken e Morpheus di Buddha Seeds vi stupiranno con la loro produzione.

Maggiore potenza. Poiché non sono influenzate dalla genetica ruderalis, le piante fotodipendenti hanno un contenuto di THC più alto delle piante autofiorenti. Questo è anche interessante se state cercando un effetto più alto.

– Le piante fotodipendenti possono essere clonate indefinitamente sotto l’illuminazione artificiale, il che vi permette di mantenere la vostra genetica preferita senza dover comprare nuovi semi per ogni raccolto.

Possono essere potate. Le piante fotodipendenti rispondono bene alla potatura, che ci permette di adattare le loro dimensioni al nostro spazio di coltivazione.

Svantaggi delle piante fotodipendenti

-Non resistono all’inquinamento luminoso: anche le piante fotodipendenti hanno i loro svantaggi, anche se in misura minore. Principalmente questo tipo di piante non resiste all’inquinamento luminoso (hanno bisogno di 12 ore di buio ininterrotto per fiorire). Non possiamo coltivare piante fotodipendenti all’aperto in luoghi dove il periodo di buio non è assoluto e ininterrotto. Se vi stavate chiedendo perché le vostre piante non fioriscono, ecco una delle possibili ragioni.

Non si può coltivare fuori stagione: i ceppi fotodipendenti dipendono da un certo numero di ore di luce per fiorire, quindi non possono essere coltivati tutto l’anno all’aperto come i ceppi autofiorenti.

Raccolta non così veloce: dovrete aspettare circa 4 mesi per la raccolta, un’eternità per i più impazienti.

Dati i pro e i contro di ogni varietà, sta a voi scegliere. Autofiorente, fotodipendente o se hai ancora dei dubbi, è meglio scegliere entrambi.

Buddha Seeds


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf Magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di Thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*