spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Gli errori più comuni nelle misurazioni di pH ed EC

Articolo a cura di Buddha Seeds Il pH nella coltivazione della cannabis svolge un ruolo importante nell'alimentazione e nello sviluppo della pianta, in quanto ci...
HomeCannabisQual è il substrato migliore per le tue piante?

Qual è il substrato migliore per le tue piante?

Quando si parla di substrati per le piante di cannabis, esistono diverse opzioni sul mercato. Ma quale scegliere? Nel seguente articolo spieghiamo come arricchire il substrato in modo che le piante crescano forti e vigorose.

È molto importante conoscere i diversi substrati per poter creare il proprio terriccio per la coltivazione della marijuana. Ognuno di essi ha le proprie caratteristiche e i propri vantaggi, quindi continuate a leggere…

Che cos’è il substrato vegetale?

Il substrato vegetale è un mezzo solido (organico o minerale) che favorisce lo sviluppo dell’apparato radicale e sostiene la parte aerea della pianta.

Inoltre, facilita la ritenzione di acqua e sostanze nutritive per lo sviluppo delle piante.

Miglioratori di substrato per piante di cannabis

Esistono diversi substrati che possono essere aggiunti al terreno per migliorarne le caratteristiche. Ecco un elenco di tutti questi prodotti e dei loro benefici per la coltura.

Fibra di cocco

La fibra di cocco viene utilizzata in agricoltura da molto tempo. Tuttavia, per la coltivazione della cannabis è necessario seguire un processo.  Innanzitutto, deve essere lavato in acqua dolce e poi trattato con un agente tampone, che gli consente di mantenere i livelli di pH.

È molto importante scegliere una buona marca di fibra di cocco, che troverete in qualsiasi negozio di coltivazione, per evitare problemi. Possiamo coltivare con la fibra di cocco, ma dobbiamo concimarla fin dall’inizio. Si tratta di un substrato inerte che non contiene sostanze nutritive. Per questo motivo, dobbiamo razionare la sua alimentazione in ogni momento.

Torba

La torba è un prodotto naturale ottenuto dal processo di decomposizione delle piante. È l’ingrediente principale dei sacchi di terriccio per la coltivazione della marijuana.

Una giusta percentuale (tra il 10-20%) di torba stimola e favorisce la crescita e lo sviluppo delle piante.

Perlite

La perlite è un silicato di alluminio di origine vulcanica. Viene utilizzato nella maggior parte dei substrati commerciali perché migliora la ritenzione idrica e fornisce una maggiore ossigenazione alle radici.

Di solito viene aggiunto in una proporzione compresa tra il 10 e il 20%. Se il substrato comprende la perlite, se ne usa una quantità minore.

Vermiculite

La vermiculite è un silicato di alluminio, magnesio e ferro idrato. Ha diverse caratteristiche che contribuiscono a migliorare la qualità del suolo:

 

-Migliora la ritenzione idrica, mantenendo il substrato umido e aerato più a lungo.

-Ha un’elevata capacità di buffering. Ciò significa che contribuisce a mantenere stabile il pH del substrato.

Una percentuale ottimale sarebbe il 10-15% di perlite.

Arlite o argilla espansa

Le palline di argilla espansa sono ideali da collocare alla base dei vasi prima di mettere il terriccio. Migliorano e facilitano il drenaggio delle piante. Sul fondo del vaso, collocare uno strato di 2 cm di argilla espansa.

Nella coltivazione idroponica o aeroponica possono essere utilizzati anche come substrato.

Ammendanti biologici per piante

Micorrize

Le micorrize sono funghi che entrano in simbiosi con le radici delle piante. Stabiliscono una relazione reciprocamente vantaggiosa. Grazie alle micorrize le piante:

-Possono assimilare più sostanze nutritive.

-Aumentano le loro difese (le micorrize agiscono come protettori).

-Possono sopportare meglio lo stress idrico dovuto alla siccità.

Vi consigliamo le microrrize Micro Vita di Top Crop

Tricoderma

I tricoderma sono funghi benefici che aiutano a proteggere le nostre piante da altri funghi dannosi. Alcuni dei loro vantaggi sono:

-Aiutano a scomporre la materia organica.

-Stimolano la massa radicale.

-Prevenire i problemi di tossicità del suolo.

Acidi umici e fulvici

Questi acidi si formano dalla decomposizione della materia organica. La combinazione di acidi umici e fulvici ci dà:

-Maggiore resistenza allo stress.

-Miglioramento della crescita delle piante.

-Aumento della resa dei raccolti.

Si trovano in una moltitudine di prodotti a base di cannabis, come l’Amino Perlas di Top Crop.

Polimeri

I polimeri sono caratterizzati dalla capacità di assorbire e trattenere l’acqua. Quando si innaffia un substrato con i polimeri, questi assorbono acqua e si gonfiano, aumentando di dimensioni. In seguito, l’acqua viene rilasciata gradualmente su tutta la coltura.

È un prodotto indispensabile nelle colture di guerriglia, dove non possiamo irrigare ogni giorno. In questo modo, evitiamo che le piante soffrano di stress e otteniamo raccolti migliori.

Qual è il miglior substrato per le piante da interno?

Se vi recate nel vostro growshop, troverete diversi substrati di marche diverse, come Heavy Mix o Complete Mix di Top Crop. La cosa migliore da fare è recarsi presso il proprio growshop di fiducia e dare un’occhiata a tutte le marche e alle loro diverse caratteristiche.

Alcuni substrati vengono concimati e altri no, a seconda delle esigenze del coltivatore.

È possibile piantare solo con il substrato?

La risposta breve è sì. Per coltivare le nostre piante possiamo utilizzare substrati come la fibra di cocco, la lana di roccia o l’argilla espansa. Sono spesso utilizzati in sistemi idroponici o aeroponici.

In questo tipo di coltivazione, il coltivatore deve fornire le sostanze nutritive necessarie alle piante durante tutto il loro ciclo di vita.

Con la miscela di alcuni dei miglioratori del substrato vegetale che abbiamo visto in precedenza, possiamo creare i nostri substrati fatti in casa. All’interno, per comodità, di solito si acquistano substrati commerciali, ma all’esterno e con lo spazio necessario si può fare il proprio terriccio.

Articolo a cura di Top Crop


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf Magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di Thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img