L’uso di cannabis nel vaporizzatore come uscita dalla dipendenza dal fumo di tabacco?

La vaporizzazione della cannabis è diventata di recente un argomento che viene persino trattato nelle università. Più recentemente, la Portland State University in Oregon ha condotto ricerche per valutare i benefici della vaporizzazione.

Tutte le ricerche sulla vaporizzazione si concentrano sulle sue conseguenze immediate sulla salute.

Un gruppo di ricercatori che studiano la dipendenza dal tabacco ha iniziato a notare una tendenza che sta emergendo negli Stati Uniti e in Europa e che ritengono che valga la pena indagare.

L’autore dell’articolo pubblicato nella Society for the Study of Addiction ritiene che la cannabis possa ridurre l’uso e la dipendenza del tabacco.

Lo studio citato nell’articolo ha tentato di confrontare le differenze nelle rotte della cannabis in diverse regioni del mondo. In Europa, la forma più comune di uso di cannabis è in “canna” da solo o mescolato con tabacco. Questa forma di utilizzo rafforza la relazione psicologica tra marijuana e tabacco.

La vaporizzazione aiuterà nella lotta contro la dipendenza dal tabacco?

Secondo la ricerca  , molti europei iniziano a fumare marijuana affumicata e questo è noto come “reverse gateway”. Le persone che fumano le canne possono essere esposte al fumo solo attraverso le canne e questo può portare alla dipendenza dal tabacco.

Va inoltre tenuto presente che il fumo di sigaretta è più comune in Europa che negli Stati Uniti e in Canada. Inoltre, i ricercatori hanno notato che i vaporizzatori di marijuana tendono a non mescolare cannabis al tabacco e usano il tabacco meno frequentemente. Solo due su 96 persone aggiungono tabacco al vaporizzatore.

Vale la pena pensare a un vaporizzatore

I dati provenienti da 30.000 consumatori di marijuana dai GDS sondaggio annuale ha mostrato che solo l’8% ammette l’uso di un vaporizzatore, ma questo metodo di consumare cannabis è stato riconosciuto come la strategia più importante per la riduzione del danno e per avere un impatto positivo sul piacere della vaporizzazione della cannabis.

Inoltre, i dati GDS del 2014 hanno suggerito che i paesi con i più bassi livelli di consumo di tabacco, come gli Stati Uniti e il Canada, avevano anche il più alto uso di vaporizzatore. Inoltre, questi dati suggeriscono che la motivazione a utilizzare il vaporizzatore era il desiderio di ridurre il consumo di tabacco.

Se la vaporizzazione della marijuana può ridurre la frequenza del tabacco aggiunto alla cannabis, il consumo di tabacco può essere ridotto tra gli utenti di erba. La vaporizzazione sta diventando più comune e gli autori dello studio dicono che la prossima generazione di consumatori di cannabis non aggiungerà tabacco alla marijuana.

Vale la pena notare, tuttavia, che la correlazione non è una relazione causale. Gli autori dello studio ne sono consapevoli e credono che sia necessaria più ricerca, ma hanno un’ipotesi sul perché esiste questa correlazione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.