Mai così popolare: il 62% degli americani vorrebbe la cannabis legale subito

Ogni anno, il Pew Research Institute pubblica i risultati di un sondaggio ufficiale per esaminare il numero di sostenitori della legalizzazione della cannabis tra gli americani. Quest’anno i risultati sono davvero straordinari: ben il 62% della popolazione adulta negli Stati Uniti supporta l’abolizione delle leggi sul consumo della cannabis e la regolamentazione della legge sul mercato in questo settore.

Anche se negli ultimi anno il trend è stato sempre più positivo (nel 2013 si dicevano favorevoli il 52% delle persone, nel 2016 il 57%), quell’attuale è il dato più alto da quando sono cominciate le rilevazioni.

Rispetto allo scorso anno, infatti, il dato è aumentato – era al 61% – ma per la prima volta anche il numero dei contrari alla legalizzazione sono diminuiti arrivando al 34%, una percentuale che difficilmente riusciva a muoversi.

Analizzando i dati, la percentuale più alta di supporto per la legalizzazione (74%) è tra la generazione del millennials (nata cioè fra il 1981 e il 1995); seguiti al 63% dalle persone nate tra il 1965 e il 1980, poi dai cosidetti baby boomer (1945-1964) al 54%. Tra i 70 membri e oltre, la percentuale di supporto per la legalizzazione è solo al 32%.

L’indagine si è svolta alla fine del mese scorso (settembre 2018) utilizzando un campione rappresentativo di 1.750 persone residenti negli Stati Uniti.

Chissà se i risultati di questa ricerca riusciranno a condizionare le politiche negli stati in cui la legalizzazione ancora non è stata approvata. Gli Stati Uniti hanno già approvato la legalizzazione nello stato di Washington e Colorado nel 2009, Alaska e Oregon nel 2012, Maine, Massachussetts, Las Vegas e California il 2014, in Vermont dal 2016. Lo scorso mese hanno legalizzato la cannabis anche le Isole Marianne, territorio americano nell’Oceano Pacifico.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.