spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Australia, una nuova era per la cannabis?

Mentre l'Australia si avvicina alla presentazione del rapporto della Commissione per la Legislazione sugli Affari Legali e Costituzionali riguardo la legalizzazione della cannabis, emergono...
HomeBenessereLimiti di Thc nei cibi, finalmente qualche certezza in più ma restano...

Limiti di Thc nei cibi, finalmente qualche certezza in più ma restano le ombre

C’è tanta confusione nel mondo della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa in Italia: numeri, limiti e leggi sono spesso carenti e per chi si vuole addentrare in questo mondo è sempre più difficile riuscire ad orientarsi.

Il 30 ottobre si è riusciti a fare un piccolo passo in avanti perché il Ministero della Salute ha finalmente messo a punto uno schema di regolamento atto a definire le soglie di THC ammesse sui cibi Made in Italy a base di canapa. E’ solo una bozza e non chiarisce tutti i dubbi ma oltre ad indicare i limiti per kilogrammo da anche delle definizione. Vediamo quali.

Prima di tutto la ‘Canapa per uso alimentare’ o ‘canapa’, pianta di Cannabis sativa L. deve rispondere a determinati requisiti per essere considerata tale cioè fa riferimento all’art. 32, comma 6, del reg. (UE) n. 1307/2013, così come gli ‘Alimenti derivati dalla canapa’, parti e/o derivati dalle parti della canapa che hanno fatto registrare un consumo significativo alimentare ai sensi del reg. (UE) 2015/2283’.

L’elenco dei prodotti alimentari derivati dalla canapa si limita a considerare ‘semi, farina ottenuta dai semi, olio ottenuto dai semi’ escludendo le infiorescenze di canapa a uso tisana.

Le infiorescenze a uso tisana sono state escluse anche dal campo di applicazione del regolamento ‘Novel Foods’ , nonostante siano ampiamente diffuse sul mercato nazionale, così come in UE.

Canapa a uso alimentare, le soglie di THC ammesse sui cibi Made in Italy

I limiti di THC previsti dal Ministero della Salute variano in relazione ai prodotti alimentari sono:

– semi di canapa (‘inclusi quelli triturati, spezzettati, macinati diversi dalla farina’), 2,0 mg/kg,

– farina ottenuta dai semi, idem c.s.

– olio ottenuto dai semi di canapa, 5,0 mg/kg,

– integratori alimentari contenenti alimenti derivati dalla canapa, 2,0 mg/kg.

Per alimenti diversi è prevista l’applicazione dell’articolo 2 del regolamento (CE) n. 1881/2006.

 

Grazie a FreeWeed

 

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img