Ripuliamo il mondo dai rifiuti: accetta la sfida di #trashchallange

Certe volte il web serve anche per cause nobili, come ad esempio il nuovo contest che sta ‘contaminando’ la rete. Tantissimi ragazzi e ragazze si sono dati da fare e hanno accettato la sfida di ripulire il mondo. Seguendo l’hastagh #trashtag le persone in tutto il mondo sono andati in luoghi coperti di immondizia, a raccogliere la spazzatura e a postare, prima e dopo, le immagini sui social media. Finora ci sono più di 26.000 post tag su Instagram.

Un’idea bella e utile perché in questo modo si sono ripuliti parchi, strade e spiagge in tutto il mondo. Ma ovviamente si può e si deve fare molto di più: ognuno di noi può fare la sua parte. Un gruppo ha raccolto tappi di bottiglia, cannucce e palloncini da una spiaggia in California, mentre un altro raccoglieva plastica gettata via dalla gente del posto a Junagadh, in India.

La sfida è diventata popolare dopo un post di Reddit che sfidava le persone a “rendere il mondo un posto migliore”. Ma l’idea è più ‘antica’ ed è iniziata nel 2015 quando la società di abbigliamento outdoor UCO ha lanciato il #TrashTag Project. Oggi, a ridosso della più grande manifestazione mondiale per il clima, non può che ritrovare la sua spinta energetica e vitale.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.