Alcol o cannabis? I giovani scelgono la via più ‘sana’

Se c’è qualcuno che davvero non vorrebbe legalizzare la cannabis, è l’industria degli alcolici. Da quanto emerge in un rapporto dell’International Wine and Spirit Research, tra i principali organismi di ricerca sul mercato degli alcolici, quel settore ha subito una live flessione nell’ultimo anno (-0,8%). La colpa? Dei giovani, che preferiscono consumare cannabis piuttosto che bere alcolici e superalcolici.

Questo fenomeno sembra essere evidente sopratutto nei paesi in cui la legalizzazione già esiste. E’ non è affatto una cattiva notizia, visto i problemi diretti e indiretti degli alcolici sulle persone, soprattutto i più giovani. Ma facciamo chiarezza: dove la legalizzazione è già realtà il consumo di alcol è ancora in prima posizione come quantità. Circa il doppio delle persone consumano alcolici rispetto alla cannabis, mentre non sono aumentati i consumatori di cannabis.

Però adesso che è legale, si riesce a censire con più ragionevolezza chi sono i consumatori: secondo il rapporto dell’IWSR, nei paesi dove la marijuana è diventata legale, fino al 40% delle persone oltre i 21 anni ne fa consumo. I 21 anni non sono un numero casuale: negli Stati Uniti è l’età minima richiesta per comprare e consumare alcolici. Dal punto di vista dell’analisi significa che quasi la metà delle persone che avrebbero potuto consumare alcolici, hanno ora accesso ad un altro prodotto legale per i loro momenti ricreativi:È necessario che i produttori prestino attenzione ai loro nuovi consumatori” riconoscendo come, in alcune circostanze sociali, l’aumento del consumo legale di cannabis possa comportare una frenata nei consumi di alcolici, dicono dall’WSR.

Cosa succederà in occasioni come feste o momenti di aggregazione sociale? I rapporti di forza, che ora premiano nettamente gli alcolici potrebbe cambiare. E così c’è chi già corre ai ripari cercando di abbinare i due mondi: le nuove tendenze parlano di drink a base di cannabis come la nuova moda del futuro. Con buona pace di chi vuole a tutti i costi portarci indietro.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.