Lo studio canadese: l’olio di cannabis aiuta i bambini con epilessia grave

La pianta dai mille usi continua a stupire per le sue proprietà benefiche.

Secondo uno studio dell’Università del Saskatchewan, in Canada, l’olio di cannabis con cannabidiolo (CBD) e una piccola quantità di THC può ridurre (o addirittura eliminare) le convulsioni a bambini con epilessia grave e resistente ai farmaci.

La ricerca, pubblicata su Frontiers in Neurology, ha evidenziato i miglioramenti di alcuni bambini con epilessia grave dopo aver assunto basse dosi di olio di cannabis.

Lo studio ha testato gli effetti dell’olio di cannabis con il 95 per cento di CBD e il 5 percento di THC. E l’aspetto rilevante sul piano dei cannabinoidi è che il gruppo di ricerca non ha considerato intossicante il THC se estratto da piante arricchite con CBD.

Ma la cosa che rende straordinari questi risultati, fa notare il Dr. Richard Huntsman – neurologo pediatrico che ha guidato lo studio – “è che si apre finalmente la possibilità di trattamento per tutti quei bambini che non rispondono ai farmaci tradizionali”.

“I miglioramenti nella qualità della vita sono stati davvero entusiasmanti – ha evidenziato Huntsman – Alcuni di questi bambini hanno iniziato a parlare o a gattonare per la prima volta, diventando più interattivi con le loro famiglie”.

Diversi studi hanno dimostrato che i prodotti di cannabis contenenti CBD possono aiutare a controllare le convulsioni nei bambini con encefalopatia epilettica, una forma grave di epilessia che inizia nell’infanzia. E sebbene questo aspetto sia certificato dalla letteratura scientifica, molti minori non hanno ancora la possibilità di accedere a questi prodotti, per via delle pochissime indicazioni che arrivano dai medici e dagli operatori sanitari (spesso preoccupati per la presenza di THC).

E verrebbe da chiedersi: fino a quando la nostra società continuerà ad ignorare i passi avanti della scienza?

Certo, bisogna andarci con i piedi di piombo quando si parla di minori. Ma i bambini sui quali è stata testata questa nuova terapia non rispondevano a farmaci anti-convulsivi e continuavano ad avere crisi epilettiche multiple, come il caso di un bambino con la sindrome di Lennox-Gastaut, una forma epilettica grave. Da quando invece hanno cominciato a prendere il composto a base di Cbd e Thc sono riusciti diminuire nettamente la frequenza delle crisi. Sarà la strada giusta? Vedremo.

“Siamo molto orgogliosi di sostenere questa importante ricerca pediatrica, che sta facendo la differenza nelle vite dei bambini con epilessia grave”, ha dichiarato Brynn Boback-Lane, Presidente e CEO della Jim Pattison Children’s Hospital Foundation.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.