Nello staff del nuovo premier inglese due pro-cannabis. Secondo il Times è un importante segnale di apertura

La legalizzazione della cannabis in Inghilterra? Potrebbe essere realtà entro pochi anni.

Ci sono due sostenitori della cannabis libera nel nuovo staff entrato a Downing Street con Boris Johnson. Ne scrive oggi il Times, riprendendo una rivelazione del sito BuzzFed. Per il giornale di Rupert Murdoch il neopremier Tory è più liberale di Theresa May su questo come su altri temi, e interpreta la novità come un segnale importante, sebbene Johnson abbia già preso le distanze dalle posizioni di liberalizzazione dei due pro-cannabis.

I personaggi in questione sono Blair Gibbs, già attivista del Centre for Medicinal Cannabis, un’organizzazione che preme in particolare per la legalizzazione dell’uso medico della marijuana; e Danny Kruger, da tempo favorevole alla depenalizzazione delle cosiddette droghe leggere.

Secondo il Times, Johnson non intende per ora seguirne le tracce. Ma la loro cooptazione nel suo team potrebbe preludere all’avvio di un graduale percorso verso la liberalizzazione della cannabis in Gran Bretagna: entro “10 anni”, pronostica il giornale di Rupert Murdoch.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.