Il buco dell’ozono sta guarendo (ma non c’entra il Coronavirus)

In questi giorni di preoccupazioni e timori per il futuro, arriva da Nature una buona notizia.

Lo strato di ozono che si trova sopra l’Antartide sembra stia finalmente guarendo. Cosa cambierà? Sicuramente ha già cambiato venti e correnti d’aria che attraversano la Terra.

Il protocollo di Montreal sta funzionando

Il protocollo di Montreal, trattato internazionale del 1987 che ha eliminato in modo graduale la produzione di sostanze che distruggono l’ozono, comincerebbe a dare i suoi frutti. A partire dal 2000 circa, infatti, le concentrazioni di sostanze chimiche nella stratosfera (sopratutto i clorofluorocarburi) hanno iniziato a diminuire e il buco dell’ozono ha iniziato a ridursi.

I ricercatori hanno quindi deciso di indagare se i cambiamenti avvenuti nei venti sono da ricollegarsi a eventi naturali oppure se si tratta proprio di eventi collegati alla riduzione del buco nello strato di ozono.

I ricercatori, tramite simulazioni al computer, hanno scoperto che il cambiamento affrontato dallo strato dell’ozono ha permesso un cambiamento radicale dei flussi del vento. Antara Banerjee dell’Università del Colorado Boulder, uno dei principali autori, spiega:

“Questo studio si aggiunge alle crescenti prove che dimostrano la profonda efficacia del protocollo di Montreal. Non solo il trattato ha stimolato la guarigione dello strato di ozono, ma sta anche guidando i recenti cambiamenti nei modelli di circolazione dell’aria nell’emisfero meridionale”.

L’impatto del protocollo di Montreal sembra aver messo in pausa, o leggermente invertito, la migrazione meridionale dei vento e per una volta questa è una buona notizia.

“La definiamo una pausa perché le tendenze della circolazione al rialzo potrebbero riprendere, rimanere così o invertirsi. È il tiro alla fune tra gli effetti opposti del recupero dell’ozono e l’aumento dei gas a effetto serra che determineranno le tendenze future”.

Insomma, come ripetiamo sempre, il futuro dipende dalle nostre scelte. E’ oggi il momento di cambiare tutto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.