Cannabis e psicosi? Non facciamo allarmismo

Per decenni, gli scienziati hanno cercato di capire il puzzle apparentemente insormontabile che è il rapporto tra sostanze sintetiche (ad esempio le benzodiazepine) ed il rischio di insorgenza di psicosi. 

Tranquillizziamo subito i consumatori: questo rapporto non è affatto provato per la cannabis da alcuno studio scientifico controllato. Chi tenta di stabilire una relazione lo fa ad uso propagandistico per supportare una ideologia repressiva. 

Sicuramente un abuso di qualsiasi sostanza che vada ad interferire con il Sistema Nervoso Centrale (cervello) può determinare l’insorgere di una crisi dissociativa nella persona, (basti pensare all’alcool riferendosi al detto dei latini “in vino veritas” , dove l’individuo assume un comportamento bizzarro dopo essersi ubriacato).

Quindi nessun allarme va lanciato circa il rapporto tra cannabis e salute mentale specialmente nell’adulto. Semmai si possono ulteriormente sensibilizzare i consumatori circa l’abuso o l’uso smodato, ma questo è valido in mille situazioni di vita.

Ancora oggi quindi, sebbene il paesaggio sia meno confuso, è praticamente impossibile trarre una conclusione decisiva sulla relazione causale (causa-effetto) tra i cannabis e psicosi.Molta confusione ha a che fare con un numero limitato di studi metodologicamente validi condotti negli anni ’80, ’90 e nei primi anni ’00. La maggior parte di questi studi, in un modo o nell’altro, ha concluso che la cannabis può o aumentare la probabilità di sviluppare un disturbo psicotico (tra gli individui vulnerabili) o addirittura causarlo. 

Tuttavia, poiché è altamente implausibile che condurremo mai un esperimento “perfetto” che richiederebbe un campione molto ampio (problema pratico) e la manipolazione dell’uso di cannabis tra i partecipanti (problema etico), dobbiamo essere critici delle inferenze tratte da ricercatori in passato.

Per dirla semplicemente, la maggior parte degli studi che ricercano il legame tra cannabis e psicosi sono e saranno imperfetti.

Ecco perché, di recente, abbiamo assistito a un’ondata di recensioni critiche che sottolineano proprio questo. Tra i più importanti c’è un articolo scritto da Ian Hamilton e Mark Monaghan, pubblicato su Current Psychiatry Reports nel 2019. 

Il problema che alcuni ipotizzano

Secondo Hamilton e Monaghan, nella letteratura contemporanea, ci sono tre diverse ipotesi che delineano il possibile legame tra cannabis e psicosi:

  1. La cannabis può essere responsabile di innescare disturbi psicotici tra individui non vulnerabili;
  2. Ipotesi di causalità inversa, che afferma che individui predisposti potrebbero usare la cannabis come mezzo per mitigare i sintomi prodromici (il periodo tra i primi sintomi e l’insorgenza della condizione); 
  3. La relazione tra cannabis e psicosi è causata da altri fattori come la genetica o il trauma infantile.

Gli autori sostengono che ognuna di queste ipotesi ha difficoltà a sopravvivere da sola a causa di una serie di carenze metodologiche di cui soffrono questi studi. 

Ad esempio, uno dei maggiori problemi nel sostenere che la cannabis può scatenare la schizofrenia è che i ricercatori di solito si basano su metodi osservativi. Inoltre, poiché la dose di cannabis svolge un ruolo cruciale nell’amplificare il rischio di psicosi, i ricercatori non hanno un consenso su quale possa essere tale dose (per alcuni è più di 50 esposizioni, mentre altri si basano sull’uso del mese scorso). 

L’ipotesi di causalità inversa insiste sul fatto che gli individui predisposti alla schizofrenia usano la cannabis per annullare i primi effetti negativi delle loro condizioni di sviluppo. Tuttavia, la maggior parte di questi individui afferma che la loro principale motivazione dietro l’uso di cannabis è il piacere e la ricreazione, non la mitigazione dei sintomi avversi. 

Infine, mentre molti altri fattori confondono la relazione tra cannabis e psicosi, oggettivamente parlando, è importante sottolineare che la ricerca genetica da sola non ha fatto molto per contribuire alla nostra comprensione di questa intricata relazione.

Affidarsi esclusivamente alla biologia e alla genetica semplificherebbe in qualche modo la questione perché la cultura e altri fattori ambientali influenzano enormemente la nostra salute e le nostre abitudini.

Ma non è tutto.

Sia gli studi iniziali che quelli successivi si sono occupati quasi esclusivamente di campioni interamente maschili. Se uno degli obiettivi della comprensione della relazione tra cannabis e psicosi è migliorare o creare migliori interventi sulla salute pubblica, è necessario conoscere meglio le differenze tra i sessi, in relazione ai rischi di sviluppare condizioni di salute mentale.

Inoltre, l’egemonia occidentale è un’altra questione seria che offusca in modo significativo la nostra comprensione della questione. In parole povere, i campioni di questi studi sono stati per lo più estratti dai paesi occidentali. Questo problema non è piccolo perché la cultura ha un impatto drastico non solo sul nostro consumo di droghe ma anche sulle sue conseguenze. 

A che punto siamo con gli studi?

Sarebbe pericoloso dire che il legame tra cannabis e psicosi sia causale. La verità è che non abbiamo prove sufficienti per sostenere tale affermazione. 

Molti fattori influenzano lo stato del nostro benessere e della nostra salute mentale, rendendo estremamente difficile cancellarli sperimentalmente tranne uno. 

Se il nostro obiettivo è quello di essere il più obiettivo possibile, accontentarci di una semplificazione eccessiva attraverso spiegazioni biologiche, genetiche o persino sociali non lo taglierà. La realtà è che tutte queste influenze si intrecciano e creano una complessa rete di fattori che contribuiscono al nostro modo di essere. 

Fino a quando non verrà condotto un esperimento perfetto, dovremo semplicemente accontentarci di “non lo sappiamo”. L’abuso di droghe è solo uno dei comportamenti rischiosi che si trovano comunemente tra le persone con condizioni di salute mentale. 

Ma i comportamenti rischiosi e le loro ripercussioni non possono essere ritenuti responsabili dell’inizio delle condizioni di salute mentale. Trauma infantile, possibili predisposizioni genetiche, cultura e molti altri fattori contribuiscono in modo massiccio alla questione. 

Dopotutto, al giorno d’oggi, più persone consumano cannabis che mai. Ma non abbiamo assistito a un picco nell’incidenza della psicosi. Se la relazione tra i due fosse causale, non sarebbe così? 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.