Il mondo della cannabis è maschilista?

Se vi va di fare un giro su un comune motore di ricerca troverete che l’associazione tra le parole ‘cannabis’ e ‘donna’ vi porterà a risultati incredibili.

I primi articoli che vi verranno suggeriti saranno infatti legati agli aspetti sessuali ( qualità del sesso) o riproduttivi (effetti sulla fertilità) ma non mancheranno neanche i suggerimenti per vedere le migliori sexy donne che fumano erba. Chi non si è mai imbattuto poi sui social in immagini di donne che fumano sensualmente o nude in serre che sembrano night club? Insomma sembra proprio che il mondo della cannabis sia pervaso da un certo retaggio maschilista.

Nell’immaginario collettivo, infatti, le donne non fumano erba o se lo fanno sono persone molto problematiche, tossiche o deboli. Eppure la realtà che ci circonda è molto diversa.

Secondo un articolo pubblicato su Forbes nel 2017, attualmente le donne fumano cannabis più degli uomini. Quali sono i motivi? Secondo gli studiosi si utilizzano come integratore alimentare per trattare vari disturbi legati alla salute femminile, come dolori mestruali e sintomi della menopausa. Ma molto più semplicemente le donne usano la cannabis perché gli piace, esattamente come succede per gli uomini.

Basta con gli stereotipi, usati anche nel cinema, dei personaggi femminili che cercano esclusivamente di ricondurre i protagonisti maschi, consumatori di cannabis, sulla “retta” via. E’ l’ora della parità di diritti anche nel cinema e nelle serie tv, proprio come succede in Weed o nell”iconica puntata’ di Sex and the city che non ci stancheremo mai di rivedere.

Per la prima volta abbiamo visto una donna adulta, assolutamente favolosa, fumare una canna in televisione. La scena è della terza stagione (2000): Carrie fuma con Wade, il suo “ragazzo di turno” (uno di quelli irrilevanti). Wade è un eterno adolescente che vive ancora con i suoi genitori e, naturalmente, fornisce l’erba.

La coppia trascorre un fine settimana di pura marijuana e relax, ma quando i genitori del ragazzo tornano a casa, lui la incolpa pubblicamente per screditarla. Tra indignazione e perplessità, Carrie prende una posizione da maestro: sì, l’erba è mia e me la porto via. Nella scena successiva, la vediamo fumare con i suoi amici.

Attenzione, la parità di genere – anche nella cannabis- è ormai arrivata!

One Comment

  1. Pingback: La parità di genere serve anche nel mondo della cannabis - BeLeaf

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*