Cannabis e cuore: le recenti ricerche smentiscono il rischio infarto o ictus

Il consumo nel tempo di cannabis non è collegato alla possibilità di infarto o ictus. Così suggerisce un nuovo studio dell’Università di Berna in Svizzera, pubblicato il mese scorso sull’American Journal of Medicine in cui si legge che “la futura malattia cardiovascolare è spesso indicata dall’aterosclerosi subclinica, per la quale lo spessore intima-media carotideo è un parametro stabilito”, si legge nell’abstract dello studio.

Ma che cosa è l’aterosclerosi? E’ un accumulo di colesterolo, grassi e altre sostanze su e nelle pareti delle arterie che possono limitare il flusso di sangue. Si può formare una placca che improvvisamente può scoppiare, provocando un coagulo di sangue.

I ricercatori della Svizzera e degli Stati Uniti hanno voluto sapere se c’è qualche connessione con il consumo di  cannabis sulla salute cardiovascolare vito che, attualmente ci sono pochi studi, e che spesso il sentire comune lo indica come un causa. Hanno esaminato i dati dello studio CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adults), un gruppo di 5.115 donne e uomini bianchi e neri alla visita del 20° anno e hanno considerato l’indurimento delle arterie a mezza età e l’esposizione per tutta la vita alla marijuana e al fumo di tabacco.

“Mentre l’uso cumulativo del tabacco era fortemente associato a un elevato spessore dell’intima-media carotidea”, osserva un post sul blog dell’Organizzazione nazionale per la riforma delle leggi sulla cannabis, l’esposizione alla marijuana non lo era. “Questo studio si aggiunge al crescente corpo di prove che potrebbe non esserci alcuna associazione tra il livello medio della popolazione di consumo di marijuana e l’aterosclerosi subclinica“, scrivono i ricercatori.

Servono ancora molte altre ricerche e informazioni per avere un quadro completo e soprattutto omogeneo.

Nel 2019, la Harvard Heart Letter ha osservato ad esempio che  il rischio di infarto è molte volte più alto nell’ora dopo aver fumato marijuana rispetto a quanto sarebbe normalmente. Anche se questo non rappresenta una minaccia significativa per le persone che hanno un rischio cardiovascolare minimo, dovrebbe essere una bandiera rossa per chiunque abbia una storia di malattie cardiache “.

E uno studio dello scorso anno sul Journal of the American College of Cardiology ha sottolineato che “la cannabis sta diventando sempre più potente e fumarla comporta molti degli stessi rischi cardiovascolari per la salute del tabacco”. Gli autori hanno incoraggiato lo screening medico per l’uso di marijuana “specialmente nei pazienti giovani che presentano malattie cardiovascolari”.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*