spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Australia, una nuova era per la cannabis?

Mentre l'Australia si avvicina alla presentazione del rapporto della Commissione per la Legislazione sugli Affari Legali e Costituzionali riguardo la legalizzazione della cannabis, emergono...
HomeCannabisUna pizza particolare: in Australia un papà ci aggiunge la cannabis

Una pizza particolare: in Australia un papà ci aggiunge la cannabis

Sembra uno scherzo riuscito male, invece si sono sentiti tutti male e lui è finito nei guai. In Australia, precisamente ad Adelaide, circa un anno fa un padre di famiglia ha pensato di condire la pizza di moglie e figli con la cannabis: dopo un primo momento di risate e ilarità, la famiglia si è sentita male ed è stato necessario chiamare i soccorsi. Il Daily Mail riporta che l’uomo oggi si trova davanti alla Elizabeth Magistrate Court per per la prima tappa del suo procedimento legale, dove affronterà una serie di provvedimenti sanzionatori penali a suo carico:

negligenza criminale;

vendita e produzione di una sostanza controllata;

fornitura e/o somministrazione di una droga ad un bambino.

Inizialmente i presenti, sentendosi strani, hanno pensato ad una fuga di gas che avrebbe giustificato quella tipologia di malessere. Una volta arrivati in ospedale ed effettuate le analisi si è scoperto, grazie al Dipartimento per la protezione dell’Infanzia, si è scoperto che era stata consumata cannabis dai bambini: il Dipartimento ha dato queste informazioni alla polizia che ha iniziato le indagini, interrogando l’uomo e ricercando i segni della presenza di cannabis o hashish in casa, effettivamente trovati.

Tra gli oggetti ritrovati ci sono anche: luci idroponiche, un estrattore di gemme ed un frullatore Magic Butter, un apparecchio utilizzato per mescolare, macinare ed estrarre il l’essenza delle foglie di cannabis. Sappiamo che con questi materiali si possono produrre olio, burro oppure un liquido concentrato.

Oggi l’uomo può assistere la moglie nell’accudimento dei figli, ma il giudice ha mantenuto anche la distanza diretta del padre con i propri figli: l’uomo dovrà affrontare nuovamente il tribunale entro la fine dell’anno.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img