spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Ufficializzato il simbolo della cannabis legale “made in Morocco”

Le autorità marocchine hanno ufficializzato il simbolo che sarà utilizzato per identificare i prodotti legali derivati dalla lavorazione della cannabis "made in Morocco". Secondo...
HomeCannabisColombia: bloccata la legge per legalizzare la cannabis

Colombia: bloccata la legge per legalizzare la cannabis

Da Forbes

Il Senato colombiano ha, ancora una volta, respinto la proposta di legge volta a legalizzare la cannabis per uso adulto nel paese.

La proposta di legge ha subito una battuta d’arresto al Senato il 12 dicembre durante la sessione plenaria, in cui c’è stato il tentativo di regolamentare l’uso e la commercializzazione della cannabis da parte degli adulti. Durante la sessione plenaria, c’è stata la proposta di archiviazione del disegno di legge presentata dalla senatrice Karina Espinosa del Partito Liberale, poco prima dell’inizio del dibattito formale, che ha ottenuto 45 voti favorevoli contro i 40 contrari. 

Dopo la votazione, la senatrice María José Pizarro, promotrice del progetto, è intervenuta davanti alla sessione plenaria. Ha criticato con veemenza i senatori che hanno sostenuto l’archiviazione del progetto, attribuendo la colpa al Senato per aver consentito ai gruppi organizzati di trarre profitto e condannando i giovani e i consumatori all’influenza di commercianti illeciti e trafficanti di droga.

Juan Carlos Losada, rappresentante di Bogotá del Partito Liberale e sostenitore della proposta, ha espresso disappunto per la decisione della sessione plenaria. Ha sottolineato che a questo risultato hanno contribuito la mancanza di chiarezza derivante dalla disinformazione sull’abrogazione del decreto 1844 del 2018 e l’operato di “alcuni deputati”. Inoltre, ha sollevato dubbi sul fatto che la proposta di archiviare il disegno di legge provenisse dal suo stesso partito.

Nei giorni precedenti al voto, infatti, l’amministrazione del presidente Gustavo Petro è intervenuta emanando un decreto esecutivo . Questo decreto ha eliminato la multa di 50 dollari associata al possesso di piccole quantità di droga e ha vietato alla polizia di confiscarla. Questa mossa si è basata su una più ampia politica di depenalizzazione stabilita in precedenza attraverso una sentenza della Corte Costituzionale.

Tra coloro che hanno reagito favorevolmente al rifiuto della proposta di legalizzazione della cannabis c’è stato l’ex presidente Álvaro Uribe, che si è sempre opposto a qualsiasi tentativo di legalizzare la cannabis nel paese e, dal 9 dicembre, esprime attivamente la sua posizione sui social network.

Congratulazioni ai 45 senatori che, con il loro voto, hanno impedito la legalizzazione del consumo ricreativo di marijuana“, ha detto su X.

A differenza di Uribe, il nuovo presidente colombiano, Petro, sembra essere più favorevole alla legalizzazione della cannabis. Ciò è evidente dal suo suggerimento di settembre di stringere un’alleanza tra le nazioni dell’America Latina, presentando un fronte unito per affrontare il traffico di droga. Durante la Conferenza latinoamericana e caraibica sulla droga, ha proposto di riconoscere il consumo di droga come un problema di salute pubblica invece di fare affidamento su quello che ha criticato come un approccio militarizzato inefficace di fronte ai rappresentanti di altri paesi della regione.

Questa non è la prima volta che il Senato respinge i tentativi di legalizzare la cannabis in Colombia. A giugno hanno votato contro l’iniziativa di rendere legale la cannabis ricreativa e di porre fine alla politica di proibizione della sostanza in Colombia.

Ad oggi, in Colombia sono legali solo la cannabis medica e la canapa industriale, legalizzate rispettivamente nel 2016 e nel 2021. In precedenza, le leggi degli anni ’80 e ’90 consentivano il possesso e l’uso fino a 20 grammi di cannabis, insieme alla coltivazione di fino a 20 piante.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img