spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Legalizzazione della Cannabis in Canada: un caso di studio per il mondo

Nel 2018, il Canada ha compiuto un passo pionieristico legalizzando la cannabis per uso adulto, un'azione che, secondo il Primo Ministro canadese Justin Trudeau,...
HomeCannabisIl futuro sarà davvero verde in Germania

Il futuro sarà davvero verde in Germania

È successo. Il Parlamento tedesco ha approvato con 407 voti a favore e 226 contrari la legalizzazione della coltivazione domestica di cannabis.

Dal 1° Aprile, dopo un passaggio formale al Senato, il possesso e la coltivazione della cannabis diventerá legale per gli adulti, a determinate condizioni, secondo la legge approvata dalla coalizione di governo di sinistra-centro del cancelliere Olaf Scholz.

Che cosa succede ora?

Questo cambiamento legislativo potrebbe trasformare il mercato, attualmente dominato dall’importazione, consentendo una produzione nazionale più ampia e senza restrizioni. Attualmente, infatti, solo tre aziende hanno licenze per coltivare cannabis medica, ma con la nuova legge, si prevede l’entrata di nuovi coltivatori tedeschi e stranieri, aumentando la concorrenza e potenzialmente riducendo la dipendenza dalle importazioni.

La situazione attuale

Secondo l’European Cannabis Report, solo il 3,6% dei prodotti floreali disponibili in Germania sono stati prodotti lì. Inoltre, secondo gli ultimi dati dell’Istituto federale per i farmaci e i dispositivi medici (BfArM), il livello delle importazioni ha continuato ad aumentare fino alla fine del 2023. Nel terzo trimestre del 2023, la quantità totale di cannabis importata in Germania è stata di 8,74 tonnellate, il livello più alto mai registrato, rispetto alle 7.758 tonnellate del secondo trimestre e alle 7.337 tonnellate dello stesso periodo dell’anno precedente.

Il futuro

La nuova legge potrebbe ribaltare questo quadro eliminando completamente la procedura di gara, insieme a tutte le restrizioni sulla produzione nazionale di cannabis. Il Bundesrat (Consiglio federale) nei suoi commenti alla legge  dell’ottobre dello scorso anno ha sollevato la questione della produzione tedesca: “Il Consiglio federale chiede che l’ulteriore processo legislativo esamini la misura in cui possono essere migliorate le condizioni quadro legali per ottimizzare la fornitura di cannabis terapeutica ai pazienti. Ciò riguarda in particolare la possibilità di espandere l’offerta di cannabis medicinale in Germania aumentando o cancellando le quantità di produzione nazionale, la cancellazione della limitazione della coltivazione a determinate varietà e l’abolizione del tetto massimo sui prezzi di vendita, al fine di frenare adeguatamente il forte aumento delle importazioni di cannabis medicinale a favore della produzione interna di qualità adeguata”.

Kai-Friedrich Niermann, avvocato specializzato in cannabis ed esperto del settore, ha spiegato a Business of Cannabis che la proposta di eliminare solo due frasi che stabiliscono che deve esserci una gara d’appalto raggiungerebbe tutti questi obiettivi.

Ciò significherebbe che qualsiasi azienda potrebbe richiedere una licenza per coltivare in Germania, comprese le società straniere. Inoltre, non ci sarebbero più restrizioni sulla varietà o sulla quantità di cannabis coltivata, o sul numero di strutture di coltivazione consentite in Germania.

Lo stesso governo tedesco prevede che questo vedrà la creazione di 100 strutture per la coltivazione di cannabis terapeutica nel paese.

Che impatto avrà questo sul mercato?

Secondo Klaus Madzia, CEO della tedesca Cannovum Cannabis AG, ciò potrebbe mettere i coltivatori tedeschi in carica, già in difficoltà per competere con il mercato di importazione, in notevoli difficoltà finanziarie. “Molte più persone possono semplicemente convertire i loro vecchi magazzini e costruire strutture per la coltivazione medicinale conformi alle GMP. Ci sarà molta concorrenza”.

Nonostante si aspetti un afflusso di investimenti nelle attività di coltivazione tedesche, Madzia rimane scettico riguardo al potenziale finanziario di questa opportunità.

Allo stesso modo, Niklas Kouparanis, CEO e co-fondatore di Bloomwell Group, ritiene che i produttori tedeschi, gravati da costi di manodopera ed elettricità più elevati, faranno fatica a competere con le importazioni di alta qualità e prodotte a basso costo che già inondano il mercato. “Mi aspetto che sarà molto difficile per i prezzi dei coltivatori tedeschi competere con le importazioni. Ci vorranno tempo e ingenti investimenti per innescare un boom della coltivazione tedesca di cannabis terapeutica, poiché agli investitori non piacciono gli investimenti pesanti in termini di risorse nello spazio di coltivazione”. Il Ceo continua: “I nostri principali fornitori rimarranno probabilmente in Canada e in stati dell’UE come il Portogallo. Il Canada ha fornito oltre 6.000 chilogrammi di fiori ed estratti di cannabis solo nel 2021. E con il mercato medico tedesco, che attualmente conta tra 200.000 e 300.000 pazienti, e che, secondo le previsioni, vedrà il numero di pazienti affetti da cannabis terapeutica moltiplicarsi tra sette e dieci volte, il nostro Paese dovrà rimanere un mercato trainato dalle importazioni”.

Tuttavia, non sono solo i potenziali coltivatori tedeschi che potrebbero essere colpiti da queste nuove regole.

Secondo la Convenzione unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti, ogni anno i paesi sono tenuti a informare l’International Narcotics Control Board (INCB) delle quantità stimate di sostanze psicotrope, compresa la cannabis, necessarie per scopi medici e scientifici.

Parte di questa legge internazionale stabilisce che, quando la produzione interna di un paese aumenta, le importazioni devono essere ridotte. L’INCB concederà autorizzazioni di importazione per la quantità di cannabis terapeutica che non può essere soddisfatta tramite la produzione nazionale.

Indipendentemente dal fatto che la produzione interna tedesca sia redditizia, l’imminente aumento della produzione tedesca potrebbe avere un impatto significativo sulla quantità di cannabis medica che può essere importata in Germania ai sensi del diritto internazionale, incidendo su una catena di approvvigionamento redditizia che abbraccia tutto il mondo.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img