La parità di genere serve anche nel mondo della cannabis

Ne avevamo già parlato ma il tema ha bisogno di essere maggiormente approfondito: il mondo della cannabis è maschilista? Secondo alcuni studi condotto in Usa sono ancora troppi i limiti che vengono imposti in maniera implicita e subdola alle donne. Ma cambiare si può, basta volerlo. Come? Creando la parità di genere attraverso la proprietà, la leadership, i consigli di amministrazione, la parità di retribuzione, il marchio e l’accesso al capitale: solo in questo modo le aziende della cannabis possono costruire aziende più forti e di maggior successo e un’industria della cannabis più forte e di maggior successo non può che giovare al mondo.

Questi problemi non riguardo, ovviamente sono il mondo della cannabis e non solo in Usa, ma è da lì che si può partire per dare il buon esempio. Anche perché molteplici studi hanno ripetutamente dimostrato che sia le aziende che le startup con donne in ruoli di leadership sono più competitive e più redditizie di quelle senza donne nelle posizioni di vertice. Eppure la percentuale di CEO di cannabis donne attualmente è solo l’8%.

Quali sono i fattori che causano il divario di genere nell’industria della cannabis?

Uno studio condotto da Arcview Group evidenzia diversi fattori chiave che contribuiscono al divario di genere in corso nel settore della cannabis che dovrebbe essere affrontato per garantire che l’intero settore raggiunga il suo pieno potenziale di successo.

In primo luogo, le donne hanno meno accesso ai ruoli di leadership perché i loro percorsi per ottenere quelle posizioni sono bloccati ripetutamente lungo la scala della carriera.

In secondo luogo, la discriminazione basata sul genere è inerente alla cultura americana (e globale). È un problema che è stato tramandato di generazione in generazione per migliaia di anni e non è unico per l’industria della cannabis. È risaputo che le donne vengono spesso definite “troppo aggressive” o “non abbastanza aggressive”, “troppo emotive” e l’elenco potrebbe continuare a prescindere dal merito delle affermazioni.

In terzo luogo, il pregiudizio implicito è vivo e vegeto nella società e nel mondo degli affari, inclusa l’industria della cannabis. In termini più semplici, i pregiudizi impliciti si riferiscono ai pregiudizi che le persone hanno sulla base della loro educazione, esperienza e istruzione che non si rendono conto di avere. Il pregiudizio implicito è ciò che porta le persone a preferire assumere persone e lavorare con persone che assomigliano a loro, si comportano come loro e pensano come loro. Secondo lo studio Arcview Group, è questo pregiudizio implicito che porta gli uomini in ruoli di leadership a promuovere e assumere individui che sembrano e si comportano come se stessi, aumentando così il divario di genere nell’industria della cannabis.

Come fare per colmare il divario?

Gli autori dello studio di Arcview Group forniscono tre passaggi che le aziende del settore della cannabis possono intraprendere per colmare il divario di genere e, in definitiva, ottenere i vantaggi che derivano dall’avere un team diversificato.

In primo luogo, le aziende dovrebbero sviluppare programmi di formazione anti-pregiudizio (pregiudizio implicito), diversità, equità e inclusione che tutti i dipendenti sono tenuti a seguire e adoperarsi per eliminare i pregiudizi dalla struttura aziendale dell’azienda. Questo è essenziale per capire quali sono i pregiudizi impliciti attualmente esistenti e come affrontarli e migliorarli, sia come individui che come azienda.

In secondo luogo, gli autori dello studio sollecitano le aziende di cannabis a diventare organizzazioni antirazziste, il che è essenziale per comprendere l’oppressione. Senza questa comprensione di base, è probabile che gli sforzi per la parità di genere falliscano. Essere semplicemente un’azienda che promuove la diversità e l’inclusione non è sufficiente. Le aziende dovrebbero essere “esplicitamente antirazziste” secondo gli autori dello studio.

In terzo luogo, le aziende devono capire che il divario di genere è prevalente in tutto lo spettro delle assunzioni  e il più grande ostacolo che impedisce alle donne di progredire nella loro carriera si verifica a livello dirigenziale. Gli uomini hanno maggiori probabilità di essere promossi da una posizione di livello iniziale o non manager a una posizione di manager rispetto alle donne con le stesse capacità, e gli uomini hanno maggiori probabilità di essere pagati di più per lo stesso lavoro durante la loro carriera. Pertanto, le aziende di cannabis devono costruire una pipeline di donne promuovibili e enfatizzare l’assunzione diversificata e la promozione interna.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*