Licia, la novantaduenne a favore della legalizzazione

Licia, la novantaduenne a favore della legalizzazione

Chi l’ha detto che la legalizzazione è solo una questione cara ai giovani? Oggi vi riportiamo un estratto dell’intervista di FanPage a Licia Fertz, la novantaduenne che nei social e nella vita reale cerca di sensibilizzare al discorso attorno alla marijuana.

L’intervista

Di seguito vi riportiamo un estratto dell’intervista che FanPage ha realizzato con Licia Fertz, la signora di 92 anni molto attiva nella campagna per la legalizzazione della cannabis.

Lei l’ha mai usata?

A volte, quando ho dei dolori che non riesco a muovere neanche le braccia: una tisana alla cannabis, oppure assunta in forma di gocce, mi aiuta tanto.

E l’ha mai fumata?

Certo, per scopo ricreativo. La legalizzazione servirebbe anche a togliere i soldi alle mafie e a darli allo Stato. In più, si creerebbero un sacco di posti di lavoro!

L’ha sempre pensata così?

Sì, sempre. È il mio modo di vedere e di pensare. Se tu sapessi tutto… Sai che l’ho anche coltivata?

Da giovane?

Proprio giovane no, diciamo che ero a metà vita. Mio nipote Emanuele era un ragazzino e io non volevo che andasse a comprarla dallo spacciatore, temevo gli impasti chimici, il veleno dentro, e così l’ho coltivata io, in questo modo sapevo cosa c’era dentro.

La Polizia l’ha mai beccata?

No, ero attenta, la chiamavo ‘il ciliegio’.

Ci sono altri motivi per cui è favorevole alla legalizzazione?

Sì. Credo che l’idea del ‘frutto proibito’ attiri come nient’altro. L’idea di avvicinarsi a qualcosa di vietato è sempre molto forte, soprattutto in adolescenza. Se noi la legalizziamo le togliamo quello spirito ‘calamita’.

Se ho capito bene lei non è di quelle persone che dice ‘Fumate, fumate senza pensare!’. Lei fa un ragionamento preciso.

Certo. Bisogna evitare le droghe pesanti, questa è la cosa più importante. Anche la marijuana è una responsabilità, i ragazzi vanno educati, io lo dico tranquillamente: provate pure, se volete ogni tanto fumate, ma poi smettete il prima possibile. Per questo dico che serve responsabilità: sia nel non vietare sia nel non abusare.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*