spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

La marijuana è kosher?

La Pesach (o Pasqua ebraica nella traduzione italiana) è una festività importante nella fede ebraica, caratterizzata da precise linee guida per la celebrazione. Si...
HomeMedicalPortogallo, tutti i problemi di accesso alla cannabis terapeutica

Portogallo, tutti i problemi di accesso alla cannabis terapeutica

Nel panorama contemporaneo, il Portogallo si trova in una fase di transizione significativa riguardo all’uso e alla regolamentazione della cannabis. Nel 2022, il paese ha sperimentato un’esplosione nella produzione di cannabis, con nove tonnellate esportate, ma con soli 14 kg venduti localmente. Questo contrasto evidenzia una discrepanza tra l’offerta disponibile e la domanda reale all’interno del paese. Nonostante la legalizzazione, i pazienti continuano a lottare per ottenere accesso ai trattamenti a base di cannabis, spesso dovendosi rivolgere al mercato nero per soddisfare le proprie esigenze mediche.

La scoperta della cannabis terapeutica

L’origine di questo dibattito è legata a storie vissute e testimonianze personali. Paula Motta è una madre, la cui storia è emblematica circa la questione nel suo Paese d’origine. Nel 2017, quando la cannabis terapeutica era ancora illegale in Portogallo, Paula ha scoperto l’efficacia della cannabis nel trattare l’epilessia di sua figlia. I tentativi con farmaci tradizionali non erano stati efficaci contro le crisi epilettiche della sua bambina, ma l’uso di estratto di cannabis ha portato a una significativa riduzione delle crisi e miglioramenti nella qualità della vita.

Approvazione e regolamentazione della cannabis medica

La cannabis medica ha raggiunto una svolta significativa nel 2018, quando è stata ufficialmente approvata in Portogallo. Questa mossa non solo ha segnato un importante progresso nel trattamento di una serie di condizioni mediche, ma ha anche reso il Portogallo il precursore globale nella depenalizzazione dell’uso ricreativo di tutte le droghe nel 2001. Tuttavia, la regolamentazione della cannabis medica non ha eliminato tutti i problemi. L’accesso rimane limitato e la disponibilità di prodotti è ancora inadeguata rispetto alla domanda.

Le sfide dell’accesso

Nonostante i progressi nella legislazione, l’accesso alla cannabis medica rimane un problema critico per molti pazienti portoghesi. Le restrizioni sull’accesso e i prezzi elevati dei prodotti legali spingono molti pazienti a rivolgersi al mercato nero, mettendo a rischio la loro sicurezza e legalità. Anche se diverse aziende farmaceutiche hanno investito nel mercato portoghese, la distribuzione e la disponibilità dei prodotti rimangono limitate.

Il ruolo delle aziende farmaceutiche

Tilray e Somai Pharmaceuticals sono tra le aziende che hanno visto il potenziale del mercato portoghese della cannabis medica. Tuttavia, nonostante gli sforzi di queste aziende, l’accesso rimane limitato a causa di restrizioni normative e di approvvigionamento. Il prezzo elevato dei prodotti legali e la mancanza di copertura assicurativa rappresentano ulteriori ostacoli per i pazienti che cercano di accedere ai trattamenti a base di cannabis.

La sfida della conoscenza medica

La mancanza di conoscenza e informazioni tra i medici è un altro ostacolo significativo per la diffusione della cannabis medica in Portogallo. Molti medici non sono adeguatamente informati sui benefici terapeutici della cannabis e sul suo uso appropriato. Questa carenza di conoscenza può influenzare negativamente la capacità dei medici di prescrivere trattamenti a base di cannabis e può contribuire allo stigma associato all’uso della cannabis in ambito medico.

Gli ostacoli alla diffusione

Oltre alla mancanza di conoscenza medica, lo stigma sociale è un’altra sfida significativa che ostacola la diffusione della cannabis medica in Portogallo. L’uso della cannabis è spesso associato a stereotipi negativi e pregiudizi, che possono influenzare la percezione dei pazienti e dei medici sull’efficacia e sulla sicurezza della cannabis medica. Questo stigma può rendere più difficile per i pazienti accedere ai trattamenti a base di cannabis e può contribuire alla marginalizzazione dei pazienti che scelgono di utilizzare la cannabis per scopi medici.

La posizione del Portogallo nell’UE

Nonostante il suo ruolo di leader nella produzione di cannabis nell’Unione Europea, il Portogallo continua a lottare con problemi di accesso alla cannabis medica. La legislazione attuale si concentra principalmente sulla sicurezza e sulla qualità dei prodotti, ma non è in grado di garantire un accesso adeguato ai trattamenti a base di cannabis per tutti i pazienti che ne hanno bisogno. Questa situazione pone il Portogallo in una posizione difficile rispetto ad altri paesi europei che hanno adottato politiche più progressiste sulla cannabis medica.

La lotta per un migliore accesso in Europa

A livello europeo, vi è un crescente interesse per un migliore accesso alla cannabis medica. Tuttavia, sono necessari sforzi coordinati per superare le sfide normative e garantire un accesso equo e sicuro alla cannabis terapeutica per tutti i pazienti che ne hanno bisogno. Inoltre, è importante affrontare lo stigma sociale associato all’uso della cannabis medica e promuovere una maggiore consapevolezza e comprensione dei suoi benefici terapeutici.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img