spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Amsterdam fuori dal progetto pilota olandese sulla cannabis

La Camera bassa del Parlamento olandese ha respinto l'aggiunta di Amsterdam all'esperimento di coltivazione e distribuzione legale della cannabis nel Paese, il che significa...
HomeCannabisAmsterdam fuori dal progetto pilota olandese sulla cannabis

Amsterdam fuori dal progetto pilota olandese sulla cannabis

La Camera bassa del Parlamento olandese ha respinto l’aggiunta di Amsterdam all’esperimento di coltivazione e distribuzione legale della cannabis nel Paese, il che significa che il numero di città che parteciperanno all’avvio del progetto pilota quest’estate rimarrà di dieci. Il Parlamento ha anche respinto una mozione per sospendere l’intero progetto.

L’esperimento olandese

Nell’esperimento, il governo olandese autorizza per la prima volta la coltivazione e la distribuzione legale di cannabis per uso ricreativo.

Il sindaco della capitale Amsterdam, Femke Halsema, ha dichiarato questo alla testata nazionale NL Times.

L’esperimento non renderà più facile l’accesso alle droghe per i giovani. Significa solo che la produzione e la distribuzione saranno sottratte ai criminali. Questo in realtà protegge la salute pubblica e facilita la politica di applicazione della legge. Se si vuole controllare meglio il consumo di cannabis, è necessario controllare anche la ‘porta di accesso”.

Per decenni, i negozi di cannabis del Paese, noti come coffee shop, hanno operato in un sistema in cui le vendite erano legalmente tollerate, ma la coltivazione era proibita. Ciò significava che i negozi dovevano procurarsi prodotti di cannabis illegalmente.

La fase di avvio dell’esperimento, chiamata aanloopfase in olandese, è iniziata a dicembre nelle città di Breda e Tilburg, dove circa 19 coffee shop partecipanti hanno iniziato a offrire sia cannabis coltivata legalmente sia prodotti non regolamentati.

A sei mesi dall’inizio dell’esperimento, circa a metà giugno, tutti i coffee shop partecipanti avranno un periodo di transizione di circa sei settimane. Successivamente, i negozi aderenti potranno vendere solo prodotti legali.

Il governo olandese non sta rendendo noti i nomi dei coltivatori scelti per rifornire i negozi, anche se alcune aziende hanno fornito volontariamente queste informazioni.

Le altre otto città che prenderanno parte all’esperimento sono: Almere, Arnhem, Groninga, Heerlen, Maastricht, Nimega, Voorne aan Zee (ex Hellevoetsluis) e Zaanstad.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img