Skywalker OG Auto: un viaggio in auto verso le nuvole… e oltre

Una varietà americana molto popolare nei dispensari di cannabis oltreoceano. Sull’onda del suo successo, Skywalker OG è sbarcata anche in Europa, direttamente nelle mani di Barney’s Farm in Olanda, tra gli altri. Barney’s ha deciso di non limitarsi semplicemente a riprodurre Skywalker OG, ma di dotarla di un cambio automatico di fioritura, sviluppandola ulteriormente e facendola diventare una varietà autofiorente. Dopo un accurato lavoro di selezione, Skywalker OG è stata assemblata con successo e resa pronta per il decollo. Sotto la scocca troviamo la collaudata genetica Super Auto #1 perfettamente fusa con Skywalker OG a dominanza Indica, a rappresentare la leggendaria OG Kush. Dopo la semina Skywalker OG ha bisogno di 70-75 giorni per diventare una bellezza autofiorente dalle dimensioni relativamente ridotte, carica di spesse cime a forma sferica i cui strati di cristalli zuccherini raccontano di un incredibile contenuto di THC fino al 23%. Coltivando questa sublime autofiorente si possono ottenere rese di 450-500 grammi per metro quadro. Il suo invitante profumo è caratterizzato da note Diesel, di limone e di frutta tropicale. Quanto al sapore, all’inizio esso è molto dolce ma presenta anche una componente terrosa di pino. Una particolarità del suo effetto è il fatto che offre più chiarezza mentale rispetto alle solite Indica incolla-divano – se da un lato porta al completo rilassamento fisico, i consumatori possono sperimentare anche una dimensione di espansione mentale che può condurre a intuizioni fondamentali. 

L’autopilota Ellis D. mette Skywalker OG sulla pista di collaudo

L’esperto pilota di cannabis automatica Ellis D. ha messo due piante di Skywalker OG Auto sulla pista di collaudo della sua grow room. Dopo poco meno di tre giorni le due piantine sono spuntate dal terreno. In poco tempo hanno mostrato una crescita molto cespugliosa e di tipo orizzontale, con foglie a ventaglio di colore verde scuro con dita a lamina ampia in perfetto stile Indica. Dopo circa tre settimane di crescita vegetativa la prefioritura faceva la sua comparsa su queste due piante che in quel momento misuravano 23 e 25 cm. Un soddisfatto Ellis D. ha commentato, “sono tempestivamente passate alla fioritura automatica, quindi per adesso tutto sta andando come da programma.” Per tutto il ciclo la durata giornaliera della luce è stata di 20 ore.

La fase di fioritura: cime pienotte e molto luccicanti maturate secondo programma

Durante la fioritura le due piante sono cresciute notevolmente in altezza, pur mantenendo il loro modello di crescita orizzontale e la loro compattezza. Lievi differenze invece si sono manifestate in termini di struttura delle infiorescenze – le cime di una pianta sono risultate più ricche di foglie rispetto a quelle dell’altra, che esibivano un rapporto calice-foglia molto elevato. Dall’altra parte però, la produzione di resina del primo esemplare era ancora più generosa e alla fine sembrava una Afghan Hash Plant, con una ricca copertura di tricomi non solo sui calici ma anche sulle foglie delle cime più grandi. Invece, mentre il denso tappeto zuccherino della seconda pianta Skywalker OG Auto era anch’esso molto bello, le foglie delle infiorescenze più grandi non erano così riccamente ricoperte di ghiandole di resina. Per quanto riguarda il volume e la densità delle cime, le due piante si sono comportate allo stesso modo producendo grandi e formose infiorescenze. Per Ellis D anche l’odore rilevato era esattamente in linea col tipo di aroma descritto da Barney’s: come appropriato per una varietà “auto”, la sensazione di base era quella di un profumo diesel meravigliosamente arricchito con una buona dose di dolcezza esotica e rifinito con un tocco di limone. Ellis D. ha commentato con tono elogiativo, “questo profumo è una vera delizia per il palato! Non vedo l’ora di vaporizzarlo…”

Il momento della pesatura: le due splendide velociste producono carichi di cime di prima classe

Ma lui doveva prima raccogliere ed essiccare le infiorescenze delle due piante che avevano raggiunto altezze finali di 49 e 57 cm. Con un ciclo di vita di 71 e 74 giorni, entrambi gli esemplari di Skywalker OG Auto erano maturati entro la finestra di tempo indicata da Barney’s Farm. Dopo essere state essiccate e ben conciate per tre settimane e mezzo in un grosso barattolo, il giorno della loro pesatura era arrivato dando risultati di 67 e 75 grammi – “queste due splendide velociste hanno generato carichi di cime di prima classe. “Sono alquanto impressionato, specialmente se metto in relazione questo risultato con la dimensione delle piante”, ha sottolineato Ellis D. plaudendo vivamente. Con la maggior parte delle foglie già potate e gran parte della clorofilla sfumata dopo l’essiccazione, le cime di Skwalker OG Auto emanano ora una fragranza più dolce rispetto a prima, mentre quelle note di diesel e limone erano perfettamente intatte.

Prova di vaporizzazione dello strain: Ellis D. si sente in orbita e in vena di film classici

Il tanto atteso momento della prova di vaporizzazione è arrivato e Ellis D. ha messo mezzo grammo di Skywalker OG Auto nel suo vaporizzatore Crafty. Quando l’apparecchio ha raggiunto la temperatura, lui ha inalato con entusiasmo una prima grossa nuvola di vapore. Ciò che ne è seguito è stata una squisita sensazione gustativa:  il sapore dell’erba si è diffuso nella bocca di Ellis D. come una caramella vaporosa, lasciando qualcosa di delizioso sul palato, che lui ha percepito come una miscela piccante di legno di conifere, pepe nero e zucchero di canna. L’effetto di quest’erba automatica è arrivato quasi con la stessa velocità di un taxi appena chiamato che sbuca da dietro l’angolo – due profonde inalazioni sono state sufficienti per rendere le gambe di Ellis D. morbide come la gomma e per fargli sentire il corpo come se fosse avvolto nell’ovatta. Questa sensazione si è intensificata dopo altre due boccate che alla fine lo hanno sommerso nel più totale agio, facendolo fondere con il suo divano e abbinando alla perfezione il nome della varietà con la scelta del film da guardare, “ Star Wars Episodio IV”, il primo film di quella famosa saga cinematografica. Lui era perfettamente in grado di fare ciò anche se si sentiva abbastanza sballato, un po’ in orbita, ma si trattava di una sorta di levitazione mentale con abbastanza lucidità da lasciarlo completamente ricettivo a quel tesoro cinematografico che lui amava sin da bambino. Così ha sperimentato un viaggio di quasi due ore tra le nuvole e oltre, nella vastità di un’altra galassia…

Il verdetto

Riassumendo la sua esperienza con Skywalker OG Auto, Ellis D. ha detto “questa è la mia prima varietà autofiorente di Barney’s Farm, e debbo dire che questi ragazzi della Farm hanno talento anche per gli strain automatici! Lo perfetta scatola del cambio di questa varietà autofiorente funziona a meraviglia. Per rimanere nell’ambito semantico dell’automobilismo, essa dovrebbe chiamarsi “Skydriver” piuttosto che Skywalker… soprattutto perché, sotto questo tipo di effetto spaziale nessuno letteralmente andrà da nessuna parte!”, ha detto con un grande sorriso. Tra l’altro, per la prima volta aveva usato con evidente successo la gamma di prodotti Bionova per la coltivazione in terra – substrato, nutrienti e stimolatori.

Dati di coltivazione:

Genetiche Skywalker OG Auto (Skywalker OG x BF Super Auto #1)
   
Ciclo di vita 71 e 74 giorni/ 70-75 giorni totali
Substrato Bionova Bio Soilmix, vasi da 15 litri
pH 6.3-6.8
EC 1.2–1.8 mS
Illuminazione 2x SANlight Q6W = 430 Watt
Temperatura 18-27°C
Umidità aria 40-60%
Irrigazione Manuale
Fertilizzanti Bionova Soil Supermix, plus PK 13-14 nella fase di fioritura
Additivi/stimolanti Bionova Solution, The Missing Link, Vitasol e X-cel
Strumenti CleanLight Pro per la prevenzione della muffa
Altezza 49 e 57 cm
Resa 67 + 75 grammi

 


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf Magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di Thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*