spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

L’Ucraina legalizza la cannabis medica durante la guerra

Sono quasi passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e sono passati solo pochi giorni dalla morte dell’oppositore russo Alexei Navalny che in...
HomeCannabisParte la raccolta firme per la nuova legge sulla cannabis!

Parte la raccolta firme per la nuova legge sulla cannabis!

“IO COLTIVO”, AL VIA LA RACCOLTA FIRME PER UNA PROPOSTA DI LEGGE D’INIZIATIVA POPOLARE PER LA COLTIVAZIONE DOMESTICA DI CANNABIS

L’obiettivo sono 50.000 sottoscrizioni, sarà possibile firmare online con SPID.

Ass. Meglio Legale:

“Vogliamo riportare questo tema in parlamento”.

In Piazza Montecitorio, con Antonella Soldo, Ass.Meglio Legale, per lancio anche Marco Cappato, Marco Perduca, Ass. Luca Coscioni; Riccardo Magi, +Europa; Rachele Scarpa (PD); Giulia Pastorella (Azione); Maurizio Acerbo, ex parlamentare del Partito Comunista e Paolo Romano Consigliere Regionale Regione Lombardia (PD)

Roma, 7 dicembre 2023 – Con un flash mob davanti a Piazza Montecitorio, è stata lanciata questa mattina – giovedì 7 dicembre – una Proposta di Legge d’iniziativa popolare per la coltivazione domestica della cannabis. A portare avanti questa raccolta firme, l’Associazione Meglio Legale insieme a una rete di oltre 30 partner. L’obiettivo è quello di raccogliere 50.000 sottoscrizioni così come previsto dalla legge italiana; sarà possibile firmare online con Identità Digitale (SPID) al sito https://www.iocoltivo.org/

La Proposta di Legge vuole consentire la coltivazione domestica fino a 4 piante di cannabis, esclusivamente per uso personale. Allo stesso tempo, prevede la creazione delle Associazioni di Coltivatori (Cannabis Social Club) con lo scopo della coltivazione della cannabis e della sua distribuzione solamente ai membri. Inoltre, la proposta prevede la decriminalizzazione dell’uso personale. Ciò vuol dire che sarà consentito il trasporto fino a 30 grammi e le sanzioni amministrative oggi previste, come il ritiro della patente e del passaporto, verranno abolite. Resta naturalmente punibile la guida in stato di alterazione.

La futura legge punta così alla creazione di un sistema con regole precise affinché ciò avvenga in maniera legale, ma soprattutto sicura per tutti.

L’avevamo detto, non ci siamo fermati. Questa proposta vuole tutelare 6 milioni di consumatori che in questo momento sono nelle mani delle mafie. Altri paesi europei, come la Germania, stanno prendendo iniziative per superare il proibizionismo, avanzando verso la decriminalizzazione della coltivazione per uso personale e la legalizzazione dei cannabis club. Tra pochi giorni in Germania ci sarà una legge identica a questa nostra proposta, mentre in Italia il Governo inasprisce le leggi e colpisce diversi settori della società. Noi vogliamo raccogliere 50.000 firme e riportare questo tema in parlamento ha detto Antonella Soldo coordinatrice dell’Ass. Meglio Legale che promuove la legge.

Alla manifestazione per il lancio hanno preso parte anche Marco Cappato, Marco Perduca e Matteo Mainardi dell’Ass. Luca Coscioni.

 Per far fronte a un fenomeno in espansione è necessario un cambio di leggi e politiche a partire dalla riduzione del danno. Politiche che partano dall’apertura di canali legali per l’approvvigionamento di cannabis che possa essere controllata e rispondere a standard qualitativi a tutela della salute di chi la usa. Sempre più Paesi europei e Stati nel mondo hanno intrapreso questo strada con successo. Questa proposta di legge vuole aprire un dialogo con il Parlamento basato su evidenze scientifiche e non più su ideologie” ha detto Matteo Mainardi.

Il Flash mob si è tenuto nonostante la Questura di Roma abbia notificato ad Antonella Soldo un esplicito divieto, incomprensibile per gli organizzatori che hanno deciso di presentarsi ugualmente nonostante la disobbedienza potrebbe rientrare nell’articolo 650 del codice penale e nell’articolo 18 del TULPS (con pena il carcere fino a 1 anno e un’ammenda fino a 413 euro). In piazza, per garantire la possibilità di manifestare, anche l’On. Riccardo Magi (+Europa), da sempre attivo per la legalizzazione della cannabis che ha dichiarato: “La legalizzazione della cannabis, a partire dalla coltivazione domestica per uso personale, è una lotta su cui si gioca una delle grandi questioni sociali della nostra epoca. È un tema che riguarda i diritti individuali, ma anche il sistema della giudiziario e carcerario italiano, la salute dei cittadini, la sicurezza nella città e soprattutto la lotta alla criminalità organizzata. Per questo come +Europa abbiamo ritenuto importante essere qui oggi e promuovere, con Meglio Legale e con Antonella Soldo, questa proposta di legge di iniziativa popolare.”

A fare da scorta democratica ai promotori anche le parlamentari Rachele Scarpa e Giulia Pastorella (Azione). In piazza anche Maurizio Acerbo, ex parlamentare del Partito Comunista e Paolo Romano Consigliere Regionale Regione Lombardia (PD).

Io Coltivo è una proposta di legge di iniziativa popolare promossa dall’Associazione Meglio Legale insieme a Associazione Luca Coscioni; +Europa; Eumans; Forum Droghe; Aduc; Antigone; Volt; Associazione Canapa Sativa Italia – CSI; Cannabis Service; Radicali Milano; Radicali Cuneo; Radicali Rimini; Cannabis For Future; Be Leaf; Soft Secrets; Giovani Socialisti; Giovani Democratici Roma; Giovani Democratici Lombardia; Partito Comunista. E con il sostegno di Giantec Srl e Sea of Green

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img