spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

L’Ucraina legalizza la cannabis medica durante la guerra

Sono quasi passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e sono passati solo pochi giorni dalla morte dell’oppositore russo Alexei Navalny che in...
HomeContenutill Report Europeo sugli oppioidi

ll Report Europeo sugli oppioidi

I dati del report in breve

ll Report Europeo sugli oppioidi ci ricorda come i fenomeni nel tempo cambiano e mutano, ed oggi le sostanze stupefacenti che circolano nel mondo globalizzato sono molto differenti. Soprattutto se le guerre si ampiano, che siano su grande scala o conflitti civiili interni. Partiamo quindi da qui: il nuovo report dell’ European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction ci riporta una grave situazione rispetto all’uso di eroina ed altri oppioidi all’interno del nostro Continente. Sulla base dei dati del 2021, il valore minimo al dettaglio stimato per la vendita di sola eroina  è di 5,2 miliardi di euro. Sono circa 1 milione poi le persone all’interno dell’Unione Europea ad essere a rischio di overdose di oppioidi. 

Dati sui consumi: la regolarità che preoccupa

I dati sui consumi di eroina ed altri oppioidi sono abbastanza regolari, ma il problema è che questa regolarità sta portando ad una serie di gravi danni alla salute delle persone: alti livelli di dipendenza, problemi di salute, e mortalità. Rispetto alla mortalità, proprio nel 2021 è stata trovata la presenza di oppioidi nel 74% dei decessi correlati alla droga. Si riscontra un elevato approccio al ‘consumo parentale’, questo implica un aumento delle infezioni virali trasmesse, e aumenta quindi anche la possibilità di contrarre malattie.

I costi sociali 

Non possiamo negare che esistono dei costi sociali importanti da affrontare per la gestione del fenomeno, costi che oggi vengono valutati, ma non vengono mai valutate soluzioni alternative come ad esempio le stanze del consumo. Infatti, uno dei costi sociali comprende l’impatto della scena aperta della droga sui quartieri, a cui si aggiungono i piccoli reati che si compiono anche solo per acquistare un’altra dose, la spesa per i servizi sanitari ed anche l’aggravio sul sistema penale, vista la presenza di alcune legislazioni all’interno dell’Unione Europea repressive nei confronti dei consumatori.

I cambiamenti dei consumi 

Il consumo in particolare di eroina in Europa rimane stabile, ma sta aumentando la produzione di oppioidi sintetici aumentando così l’offerta e la soglia di attenzione che i servizi di riduzione del danno devono avere. Quindi non solo eroina, ma anche metadone, buprenorfina, tramadolo, derivanti dal fentanyl e nitazeni, che sono presenti ad alta disponibilità nel mercato europeo.

Le cose potrebbero nel 2024 nuovamente cambiare, il motivo? Il crollo della produzione di oppio in Afghanistan, a seguito della proibizione dei Talebani alla coltivazione. L’ufficio ONU per la droga e criminalità (UNODC) ha calcolato che si è passati da 233.000 ettari di oppio del 2022 a 10.800 di quest’anno. In termini di tonnellate, da 6.200 a 333. L’eroina esportabili si è di conseguenza ridotta a 24-38 tonnellate, quando l’anno scorso era stata di 350-580 tonnellate.

Questi dati ci mostrano come la possibilità che aumenti la produzione di oppiodi sintetici sia elevata, e questo comporterebbe certamente un problema rispetto ai servizi, come dicevo poco fa.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img