CBD utile contro la Schizofrenia?

Il cannabidiolo (CBD) ha effetti benefici nei pazienti con schizofrenia, secondo un nuovo studio pubblicato dall’American Journal of Psychiatry . 

“La ricerca sia negli animali che nell’uomo indica che il cannabidiolo (CBD) ha proprietà antipsicotiche”, inizia l’abstract dello studio.

“Gli autori hanno valutato la sicurezza e l’efficacia del CBD in pazienti con schizofrenia.”

In uno studio esplorativo in doppio cieco a gruppi paralleli, i pazienti con schizofrenia sono stati “randomizzati in un rapporto 1: 1 per ricevere CBD (1000 mg / die, N = 43) o placebo (N = 45) insieme ai farmaci antipsicotici esistenti”.

I partecipanti sono stati “valutati prima e dopo il trattamento utilizzando la scala della Sindrome Positiva e Negativa (PANSS), la Brief Assessment of Cognition in Schizophrenia (BACS), la scala globale di valutazione del funzionamento (GAF) e le scale di miglioramento e gravità del Clinical Global Scala di impressioni (CGI-I e CGI-S). ”

Dopo 6 settimane di trattamento, rispetto al gruppo placebo, “il gruppo CBD presentava livelli più bassi di sintomi psicotici positivi (PANSS: differenza di trattamento = -1,4, IC 95% = -2,5, -0,2) ed era più probabile che fosse stato valutato come “migliorato” (CGI-I: differenza di trattamento = -0,5, IC 95% = -0,8, -0,1) e come “non gravemente malato” (CGI-S: differenza di trattamento = -0,3, IC 95% = -0,5, 0,0).

“I pazienti che hanno ricevuto CBD” hanno mostrato anche miglioramenti maggiori che non sono significativi nella performance cognitiva (BACS: differenza di trattamento = 1,31, IC 95% = -0,10, 2,72) e nel funzionamento generale (GAF: differenza di trattamento = 3,0 , IC 95% = -0,4, 6,4).

Il CBD è stato ben tollerato e il tasso di eventi avversi è risultato simile tra i gruppi CBD e placebo. ”

Lo studio si conclude affermando che “questi risultati suggeriscono che il CBD ha effetti benefici nei pazienti con schizofrenia. Poiché gli effetti del CBD non sembrano dipendere dall’antagonismo del recettore della dopamina, questo agente può rappresentare una nuova classe di trattamento per il disturbo. ”

Lo studio completo, pubblicato online dal National Institute of Health degli Stati Uniti, può essere trovato cliccando qui .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.