L’angolo del farmacista – Domande e risposte per un uso consapevole della cannabis terapeutica



Matteo Mantovani, titolare della Farmacia San Carlo in provincia di Ferrara, risponde alle vostre domande.

Se hai dubbi o curiosità, scrivi a redazione@beleafmagazine.it

—————————————————————————————————————-

E’ vero che il Thc è utile anche per alcune patologie negli animali domestici? Quali sono le più comuni e come si somministrano?

Assolutamente si. Come nell’uomo, anche in molti animali è stata riscontrata la presenza del sistema endocannabinoide, ovvero quell’insieme di recettori e neurotrasmettitori in grado di interagire con le molecole presenti della pianta di cannabis e di generare effetti fisiologici sull’organismo. Sia il THC sia il CBD è utile per diverse patologie nel cane e nel gatto. Però si cerca sempre di bilanciare secondo accurati dosaggi la quantità di THC e CBD per evitare, o quantomeno diminuire, l’eventuale effetto psicotropo sull’animale. Non avendo il dono della parola bisogna essere il più precisi possibili nella somministrazione del preparato e soprattutto nella ricettazione dello stesso per evitare situazioni bizzarre legate allo stordimento momentaneo dell’animale. Le più comuni patologie trattate sono artrosi, dolori di vario genere, epilessia, tumori e sintomi legati allo stesso, ma anche ansia e/o comportamenti aggressivi difficilmente trattabili. I preparati più utilizzati sono l’olio di Cannabis e la resina di Cannabis. Ma talvolta ci è stato richiesto di allestire spray nasali e crocchette appetibili per pazienti “difficili’’. La somministrazione dei primi due preparati è orale oppure orale e topica.

Come faccio ad iniziare una cura a base di cannabis per il mio cane o gatto?

Bisogna affidarsi ad un veterinario che conosca la materia che possa valutare caso per caso e di conseguenza prescrivere la terapia più adatta al quadro clinico.Qualora il Veterinario non conoscesse la materia ma fosse interessato ad approfondirla ci può contattare per ricevere materiale specifico per una corretta ricettazione del prodotto. La tematica è relativamente nuova in ambito medico veterinario ed è molto importante che se ne parli correttamente per garantire l’accesso a questa possibilità terapeutica in più.La Cannabis è una pianta ma è da considerarsi un farmaco a tutti gli effetti per la presenza di principi attivi che passano la barriera ematoencefalica. Inoltre non è detto che questa terapia vada bene per tutti gli animali e per tutti i quadri clinici; ci possono essere delle controindicazioni che ne impediscono l’utilizzo in casi specifici.

Che differenza c’è fra l’olio di cannabis e la resina?

L’olio è una formulazione che garantisce una certa concentrazione di principi attivi all’interno del preparato; la resina è un altro preparato che presenta una concentrazione circa 70 volte più elevata rispetto all’olio. La resina è un preparato fornito in siringhe da insulina preriempite di colore molto scuro e di consistenza più o meno viscosa in relazione all’infiorescenza utilizzata. Una concentrazione così elevata è necessaria per il trattamento di determinate forme tumorali. Come primo approccio si cerca di utilizzare l’olio per una migliore gestione della terapia, effetti secondari inclusi.      

 Come è giusto conservare la resina per non alterare le sue proprietà?

Sia la resina che l’olio sono da conservare in frigo per evitare un deterioramento repentino che può verificarsi già a sole due settimane dopo la preparazione se tenute a temperatura ambiente. Tutti i prodotti che consegnamo vengono infatti preparati al momento e spediti e consegnati in massimo 24/48 ore dalla loro preparazione; inoltre nel periodo estivo devono essere prese delle precauzioni di trasporto degli stessi per evitare sbalzi di temperatura troppo elevati, come ad esempio contenitori refrigerati.
Anche per la resina serve la prescrizione del medico?Esatto. Per tutte le prescrizioni di Cannabis occorre una ricetta bianca per gli stupefacenti. Per i preparati a base di solo CBD occorre Ricetta Elettronica Veterinaria Galenica.

Visto la scarsità di risorse, comprare prodotti a base di cannabis online è sicuro?

Prodotti a base di Cannabis, inteso come fitocomplesso unitamente a THC e CBD non sono vendibili online. Per quanto riguarda prodotti a base di Canapa (vendibili al supermercato) e prodotti a base di CBD il discorso è abbastanza complesso. Quest’ultima tipologia non è normata e dunque i prodotti che si trovano online possono essere qualitativamente validi o qualitativamente pessimi. Non essendoci controlli e/o certificazioni obbligatorie visto che il CBD non è normato a livello europeo il rischio è alto.Nel laboratorio della farmacia ordiniamo Cannabis ad uso medico e CBD puro di grado farmaceutico e questo garantisce, visti i numerosi obblighi a cui siamo sottoposti come attività commerciale di produzione di farmaci, standard qualitativi elevati. Proprio per questo viene sempre richiesta ricetta medica. Il medico veterinario non può prescrivere prodotti vendibili online, ma può prescrivere cannabis, CBD puro o mix di cannabis con CBD puro.







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.