Nasce Cannabiservice, un servizio a misura del paziente cannabico

Tra i diritti fondamentali dei cittadini, è bene ricordarlo, c’è quello legato alle cure mediche: “La Repubblica – recita l’articolo 32 della Costituzione – tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Ci sono tuttavia ancora troppe difficoltà nell’assistere persone con patologie legate allo squilibrio del meccanismo neuro-chimico del nostro corpo, ossia del sistema endocannabinoide. Pazienti che potrebbero aiutare il loro status psicofisico tramite la somministrazione di Cannabis, ma che invece incontrano spesso (e mal volentieri) diversi ostacoli.

Non tutti sanno chi può chiedere la prescrizione di farmaci a base di cannabis, quanto costa una visita, dove si possono trovare le terapie.

Il progetto Cannabiservice nasce proprio con l’intento di aiutare i tanti pazienti a trovare risposte importanti sul tema, con l’intento di limitare le tante difficoltà di interazione che ci sono tra le farmacie galeniche, i medici prescrittori e l’assistenza informativa.

La principale funzione è infatti quella di mettere insieme una serie di punti informativi all’interno di negozi aderenti alla rete, presso i quali sia clienti sia pazienti in cura con la Cannabis terapeutica (o consumatori della Cannabis Light) ricevono assistenza informativa e pratica riguardo i prodotti e i preparati. Vengono suggeriti, ad esempio, i medici e le farmacie convenzionate, oppure il prodotto più idoneo alle esigenze del singolo.

 Viene inoltre rilasciata una tessera associativa che dà diritto a sconti per i prodotti e i servizi utili.

 Cannabiservice è già attivo in diversi negozi ed è un’iniziativa realizzata grazie alla collaborazione delle associazioni AASS ed UNICA (che raccoglie i Produttori di Cannabis Legale).

Le difficoltà per ottenere cannabis terapeutica

Il piano terapeutico e la relativa prescrizione medica di uno dei farmaci a base di cannabinoidi, è sempre bene ricordarlo, può essere eseguita da qualsiasi medico generico o specialista. Ma già qui si incontra un primo problema: tanti medici, infatti, nemmeno conoscono questa possibilità.

Il problema secondario è invece la disponibilità di quel prodotto in farmacia.

E se è vero che il costo della terapia è stato fissato a 9 euro per grammo dallo Stato, è anche vero che non sempre si riesce a trovare il farmaco a quell’importo. Sono tante infatti le differenze di prezzo a seconda del laboratorio di riferimento e della titolazione degli oli estratti. E poi c’è il costo della ricetta, che varia a seconda del medico che svolge la visita.  

Il ritorno al “canaparo”

Tra gli obiettivi prefissati c’è anche quello di coordinare i vari professionisti della filiera, con particolare riferimento ai moderni Hemp Shop, che forse dovrebbero essere definiti canapai. Si cerca di far riemergere l’antico mestiere del “canaparo” introducendo così una figura professionale esperta di canapa. Una figura che potrà (e dovrà) diffondere anche informazioni in chiave antiproibizionista. L’approccio scientifico e medico sarà comunque la prima caratteristica del punto vendita come info point.

I principali servizi del network

I canapai che aderiscono al progetto Cannabiservice potranno gestire i servizi dello sportello informativo e garantire:

 – uno sconto ai pazienti con tessera Paziente Cannabico (UniCa)

– la lista delle farmacie provviste di terapia nella provincia di appartenenza

– una visita medica con i medici dell’associazione

Lo sportello diventa così un punto di riferimento informativo per la persona che già vive un disagio con la sua malattia, quasi sempre è una patologia legata al sistema nervoso (molto spesso sono donne che soffrono di fibromialgia).

PER ADERIRE ALLA RETE

Ass. Uni.Ca. –
italiancannabisacademy@gmail.com

Ass. assistenza sanitaria di solidarietà –
associazioneaass1@gmail.com
www.dottgiancarlobarbini.it

Per maggiori informazioni: www.cannabismedicaroma.it
Marta Lispi – 392.2982242

Medico di riferimento: Giancarlo Barbini
Albo medici di RM 31895 – specialista neuropsichiatra Presidente della Società Italiana di Laserterapia; Membro International NeuropsyChological Society, Utah, USA; Membro Internationational Society for Autonomic Neuroscience University of Melbourne, Australia 

3 Comments

  1. Pingback: Il Cannabiservice al Canapa Mundi - BeLeaf

  2. Pingback: L'auto-coltivazione per curarsi con la cannabis: prende piede la disobbedienza civile - BeLeaf

  3. Avatar Emanuele

    La notte non dormo bene mi sveglio di continuo e in totale a notte dormirò 2/3 ore da quasi 2 anni .. è molto spesso ho un forte mal di testa

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.