Henrique Fogaça: il giudice MasterChef Brasil che dice sì alla cannabis

Henrique Fogaça è uno chef di gastronomia brasiliano, con il suo lavoro riconosciuto a livello nazionale per essere uno dei giudici del programma televisivo Masterchef Brasil sin dalla sua prima edizione nel 2014. Le sue iniziative sono ristoranti di riferimento come Sal Gastronomy con due unità situate in città di São Paulo e con uno nella città di Rio de Janeiro. Controlla la cucina di importanti ristoranti, oltre al marchio di abbigliamento “Podepa”. Fogaça è anche una cantante e autore del gruppo musicale hardcore “Oitão”.

Con tutte queste sfaccettature, c’è ancora spazio per altri sforzi? Sì, sicuramente. Uno di questi è l’istituto che prenderà il nome da sua figlia Olivia, che è stata la porta d’accesso a un nuovo sguardo sulla marijuana, che in Brasile è ancora irta di pregiudizi morali e sociali. Dall’olio di CBD usato per curare Olivia, sua figlia, e che presto nominerà un istituto di cannabis medica, lo chef divide le opinioni sulla sua personalità: da un lato, è noto per le sue opinioni controverse. Allo stesso modo, è riconosciuto per la sua visione imprenditoriale, la sua carriera professionale e dai suoi colleghi professionisti che lo considerano una persona stimolante.

Abbiamo parlato in esclusiva con lui della sua visione della Cannabis, che definisce “la pianta sacra”.

A che punto della tua vita hai avuto il primo contatto con i movimenti legati alla cannabis e alla pianta?

Ho avuto contatti con la medicina della cannabis un anno e poco più o meno fa, a causa della malattia di mia figlia Olivia. Non ho ancora avuto contatti diretti con la pianta. Qualche tempo fa ho vinto alcune foglie da persone che hanno già i permessi per la coltivazione qui in Brasile e me le hanno date per fare delle prove gastronomiche.

Come vede il divieto di coltivazione in Brasile di una pianta dai valori riconosciuti in campo medicinale e sempre più vicina alla Gastronomia?

Il divieto è una questione di tempo. Perché vediamo che l’efficacia del farmaco è un dato di fatto. Mia figlia è migliorata molto con i farmaci (a base di CBD). Ma ci sono ancora molti ostacoli con l’industria farmaceutica, con la politica, ecc. Credo che aprendo questa parte medicinale, possiamo sviluppare ulteriormente questa parte della gastronomia. Sarà molto importante per il nostro Brasile.

In paesi come gli Stati Uniti, l’Uruguay e il Canada, gli edibili con cannabinoidi stanno diventando sempre più comuni. In Argentina è stata recentemente autorizzata la coltivazione a scopo medicinale e si è in attesa di un progetto che propone regolamenti per uso adulto. A che punto pensi sia il progresso in Brasile da questo punto di vista?

 Il Brasile è l’unico paese del Sud America che non è stato in grado di regolamentare o depenalizzare la marijuana. Ma penso sia questione di tempo. Il Brasile guardando il mondo e vedendo i miglioramenti sia nella medicina che nel cibo, penso che lo faciliterà. Ora sto creando l’istituto di mia figlia, l’istituto Olivia, relativo alla cannabis. Istituendo l’istituto, potremo avere una maggiore disponibilità a mettere all’ordine del giorno questa parte gastronomica e medicinale che è già più avanzata. Per quanto riguarda il consumo per adulti o ricreativo, è importante, ma viviamo in un paese che ha molta disuguaglianza, molto traffico e bande criminali e droghe sono dietro. Purtroppo la pianta sacra, che è la cannabis, è caratterizzata da questa parte emarginata. Ma penso che sia una questione di tempo, qualche anno, e possiamo invertire e cambiare questa situazione nel nostro paese.

Qualche tempo fa un tuo post su Instagram con la ricetta di una frittata con una foglia di cannabis ha generato ampie ripercussioni sulla stampa brasiliana, alcune positive, altre meno. 

Ha generato polemiche, molte persone lo hanno sostenuto, ma oggi Internet è una terra di nessuno. Quindi ci sono molte persone che criticano, che giudicano, che hanno la loro opinione. Quindi fa parte di questa differenza di pensiero, ma penso che facendo qualcosa di molto professionale e dimostrando che non esiste un pericolo imminente per le persone, solo un vantaggio, queste persone inizieranno a dare un’altra occhiata alla cannabis.

Cosa ne pensi delle attività che uniscono Cannabis e Gastronomia? Hai già pensato di utilizzare infusi o semi o anche olio di cannabis in alcune delle tue ricette?

Sì, sto mettendo insieme e lavorerò con la parte medicinale che mia figlia è un esempio che sta usando ed è migliorata molto, e inizierà automaticamente con questa parte gastronomica. Non ci ho ancora pensato, perché è ancora vietato, quindi non posso più alzare quella bandiera. Ma legalizzando tutto di sicuro, farò gli infusi, farò un olio di cannabis, beh, tutto ha il suo tempo.

Pensi che la gastronomia della cannabis possa acquisire forza e visibilità in Brasile?

Sì, certamente, più mettiamo questo argomento all’ordine del giorno, più le persone capiranno e apriranno l’ambito e la comprensione per cui la pianta sacra è la cannabis.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*