Come coltivare cannabis autofiorente. La guida per iniziare

Se avete intenzione di iniziare a coltivare varietà di cannabis autofiorenti ma non sapete da dove iniziare, questo articolo è di vostro interesse. Buddha Seeds ci dà le chiavi per rendere il tuo primo raccolto un successo. Dalla scelta della tua varietà ideale, dei nutrienti e della cura al momento ideale per il raccolto.

Vantaggi della coltivazione della cannabis autofiorente

Perché coltivare cannabis autofiorente? Le varietà di cannabis autofiorenti offrono molti vantaggi per la coltivazione, soprattutto perché non dipendono da un fotoperiodo per la fioritura (numero di ore di luce) e il raccolto può essere pronto in circa tre mesi.

All’interno delle varietà autofiorenti troviamo varietà femminilizzate e regolari. Le prime assicurano che dopo la germinazione la pianta risultante sarà femmina, mentre le seconde possono darci la non tanto desiderata sorpresa che la pianta sarà maschio.

Di cosa ho bisogno per coltivare la cannabis autofiorente?

Le varietà autofiorenti, invece, possono essere sia indica che sativa. Un buon inizio per i principianti sono le varietà indica, poiché sono generalmente forti e facili da coltivare. Ma quale scegliere tra la vasta gamma di varietà di cannabis sul mercato? Questo è il dilemma.

Nel catalogo Buddha Seeds troverete una vasta gamma di ceppi a dominanza indica, come Vesta, Buddha Purple Kush , Gorila, dalla collezione USA Collection Strains. Ma anche ceppi molto resistenti e di rapido raccolto come White Dwarf, Buddha Auto Critical, dalla collezione Classics Buddha Seeds.

Uno dei ceppi più forti e resistenti che si raccomanda ai principianti e ai coltivatori esperti è Deimos. Questa varietà è un tuttofare, specialmente in terra madre, dove si aggrappa fortemente al terreno e guadagna forza e vigore. D’altra parte, la Buddha Purple Kush in versione autofiorente e non autofiorente è anche molto resistente.

Una volta selezionata la varietà per la nostra coltivazione di cannabis autofiorente, procediamo all’acquisto di vasi, substrato, fertilizzante e preventivi. Se aspiriamo a un grande raccolto avremo bisogno di un vaso di maggiore capacità, circa 20 litri (anche molto di più) e il colore bianco all’aperto non è un capriccio, poiché il vaso nero in estate danneggia le radici a causa del calore.

Per quanto riguarda i substrati, possiamo trovare diverse composizioni per la nostra coltura di cannabis autofiorente. Da Buddha Seeds consigliamo che il substrato sia già ricco di composti come: fibra di cocco, torba nera e/o bionda, guano di pipistrello o farina lavica.

Le piante arricchite con fertilizzanti ottengono risultati migliori durante la coltivazione della cannabis autofiorente. Per quanto riguarda il tipo di fertilizzanti, troviamo fertilizzanti organici, organo-minerali e minerali.

L’opzione migliore è utilizzare concimi organo-minerali perché, in ogni caso, alla fine della coltivazione laveremo le radici.  Gli elementi essenziali sono: fertilizzante per le radici, stimolatore della fioritura, fertilizzante per la fioritura e booster per l’ingrasso dei fiori.

Se non volete complicazioni, ci sono anche fertilizzanti disponibili per tutto il ciclo della pianta. Per esempio Top Auto di Top Crop è un fertilizzante ricco di NPK formulato appositamente per le piante autofiorenti. La fase di crescita è di vitale importanza e influenza direttamente il risultato finale. Ecco perché Buddha Seeds consiglia di evitare l’irrigazione eccessiva e di assicurarsi che la pianta riceva il maggior numero di ore di luce possibile.

Germinazione della cannabis autofiorente

Ci sono diversi metodi per far germinare i semi di cannabis, ma alla Buddha Seeds consigliano la germinazione con carta da cucina umida. Evitare le opzioni di cotone o carta igienica, poiché la radice può disfarsi o impigliarsi.

Fate attenzione a non inzuppare il tovagliolo di carta nello spray e cercate di coprire il piatto con un altro piatto sopra per evitare che si secchi. Mettere il piatto con i semi in un luogo buio e caldo, preferibilmente non più caldo di 24ºC. Spruzzare la carta con acqua quando necessario durante i giorni in cui il processo di germinazione dura.

Dopo i primi giorni, vedrai come la radichetta (radice) comincia ad apparire sul seme di cannabis. Non disperare se non è emerso completamente nei primi giorni, perché alcuni semi possono impiegare 10/12 giorni per germinare.

Una volta passati i giorni di germinazione della nostra futura pianta di marijuana, procederemo alla coltivazione dei nostri semi. Si consiglia di aspettare che la radichetta sia abbastanza lunga, circa un centimetro, in modo che possa adattarsi al substrato e poi espandersi.

Coltivazione di cannabis autofiorente

Una volta che il seme è germinato, è consigliabile piantarlo nel vaso definitivo per evitare il trapianto e che la pianta subisca qualsiasi tipo di stress.

La prima innaffiatura è consigliata con una piccola quantità d’acqua. Annaffiare di nuovo quando la pianta lo richiede (si può controllare inserendo un dito nel substrato).

I prossimi 15 giorni sono fondamentali per la salute delle nostre radici. Pertanto, l’opzione migliore è quella di stimolarli con fertilizzanti per le radici. Nei primi giorni di rinvaso, bisogna assicurarsi che la pianta non riceva troppe ore di luce diretta perché potrebbe bruciarsi. Se, invece, riceve troppo poche ore di luce, questo influenzerà la sua crescita. La frequenza migliore in questi primi giorni è di 2/3 ore di luce.

Dopo 2 settimane, possiamo usare un fertilizzante ricco di azoto. Ricordatevi di misurare il pH e la CE. Se non si sa quando inizia la prefioritura, è meglio scartare l’uso del fertilizzante liquido per la fase vegetativa.

È nella fase di prefioritura che la nostra pianta autofiorente subirà il più grande scatto di crescita, soprattutto se ha ricevuto sufficiente energia dal sole. Saremo in grado di riconoscere la morfologia che caratterizza ogni pianta. Una volta trascorso questo periodo, il fertilizzante per la radicazione e la crescita dovrebbe essere interrotto.

A seconda della varietà che state piantando, la fase di fioritura può durare tra le 7/10 settimane. Durante questa fase si possono usare prodotti ricchi di fosforo e potassio, sia fertilizzanti liquidi che solidi. Un’altra opzione sarebbe il guano di pipistrello.

Quando tagliare la tua pianta di cannabis autofiorente

Una volta che la nostra pianta ha raggiunto la maturità della fioritura, arriva il momento cruciale: il taglio. Questa fase genera molti dubbi sul momento migliore per tagliarla. Come fai a sapere quando la tua pianta di cannabis autofiorente è pronta per essere tagliata?

Per fare questo, osserviamo i tricomi con una lente d’ingrandimento. Se i tricomi sono passati da un colore trasparente a un colore lattiginoso (circa il 70%) e ambrato (circa il 25%), la pianta è pronta per il raccolto. È a questo punto che la pianta ha raggiunto i migliori livelli di THC e CBD, così come i migliori sapori e aromi.

Se non hai una lente d’ingrandimento puoi andare dal colore dei pistilli. Quando i pistilli diventano marroni, allora si procederà al taglio.

Una volta che sappiamo quando tagliare la pianta, dobbiamo lavare le radici per rimuovere i sali accumulati nel substrato e assicurarci che la pianta conservi tutto il suo aroma e sapore. Si consiglia di lavare le radici 4/5 giorni prima del taglio. Per fare un buon lavaggio delle radici si dovrebbe versare tre volte la quantità d’acqua nel vaso.

Dopo aver tagliato la pianta, arrivano le ultime fasi del processo di coltivazione: la manicure, l’essiccazione della cannabis e il tocco finale, la cura della marijuana. Ricordate che potete sfruttare al massimo le foglie di marijuana. Da qui possiamo godere dei migliori sapori e aromi dei nostri raccolti.

Essiccazione della cannabis. Come fare

Nel processo di essiccazione raccomandiamo una temperatura tra i 18º e i 24º e un’umidità tra il 45% e il 55%. Alti livelli di umidità superiori al 70% possono causare problemi di muffa e/o funghi e rovinare il raccolto. D’altra parte, se l’umidità è troppo bassa, l’essiccazione della marijuana sarà troppo veloce, influenzando il suo aroma e sapore, così come la sua potenza.

Per asciugare la tua pianta, appendi i rami a testa in giù come se stessi stendendo il bucato, separando bene i rami in modo che ricevano aria da tutti i lati. Questo eviterà che i rami si tocchino o siano troppo vicini, perché questo potrebbe portare alla comparsa di muffe e/o funghi.

Questo dovrebbe essere fatto in una stanza non illuminata, evitando la luce diretta del sole, poiché la luce degrada il THC.

D’altra parte, anche una buona ventilazione è importante quando si asciuga la cannabis. Per questo avrete bisogno di ventilatori, estrattori e deumidificatori, oltre all’aria condizionata. In ogni caso, non dirigere i condizionatori d’aria o i ventilatori direttamente sulle piante perché l’essiccazione non sarà uniforme.

Se si sceglie di utilizzare le tende da coltivazione, l’essiccazione della marijuana è molto più efficace, poiché avviene in condizioni controllate, eliminando l’odore (intenso durante questa fase) grazie al filtro a carbone e al sistema di estrazione dell’aria.

Saremo sicuri che la pianta è secca quando, piegando un ramo, si rompe, emettendo un “crunch”. Eviteremo di asciugare completamente la pianta e manterremo una piccola percentuale di umidità. In questo modo, la consistenza dell’erba sarà spugnosa e non sarà secca o fragile e sarà anche più ricca di aromi e sapori, e soprattutto, otterrete il massimo potenziale dalla vostra varietà di cannabis.

Curare la cannabis

Infine, rimane il processo di cura della cannabis. Per fare questo, conservate i fiori di cannabis in un barattolo di vetro ermetico, in barattoli sottovuoto o in scatole di legno. Il legno di cedro è molto adatto alla stagionatura e allo stoccaggio. Quelli laccati e/o verniciati, invece, possono contaminare il raccolto.

Si raccomanda di usare vasi di vetro opaco o di cristallo (che impediscono alla luce di entrare) e di conservarli in un luogo fresco e buio, perché questo permette una maggiore conservazione delle proprietà della marijuana. I boccioli non devono essere troppo stretti.

Scrivi su questi contenitori il nome del ceppo, la data di raccolta, il tempo di asciugatura e il tempo di indurimento. La stagionatura della marijuana dura di solito circa 2 mesi. È durante questo periodo che la cannabis avrà raggiunto il suo picco di sapore e aroma.


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf Magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di Thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*