spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Carenza di azoto nelle piante di cannabis

Articolo a cura di Buddha Seeds La carenza di azoto nelle nostre colture non è sempre facile da individuare. Da Buddha Seeds ci danno le...
HomeGrowersCarenza di azoto nelle piante di cannabis

Carenza di azoto nelle piante di cannabis

Articolo a cura di Buddha Seeds

La carenza di azoto nelle nostre colture non è sempre facile da individuare. Da Buddha Seeds ci danno le chiavi per identificare una carenza di questo nutriente e come si ripercuote sulla vostra pianta se non vi ponete rimedio in tempo.

Che cos’è la carenza di azoto?

L’azoto è per le piante quello che per noi è il caffè del mattino. Senza questo nutriente, le piante non possono funzionare correttamente. È come se dicessimo loro: “Ragazze, niente azoto, niente fotosintesi! Inoltre, l’azoto è necessario per lo sviluppo delle piante: aminoacidi, DNA, proteine, enzimi… un’intera squadra di supereroi verdi!

Come individuare la carenza di azoto

È possibile rilevare una carenza di azoto se si nota una delle seguenti caratteristiche:

  • Foglia pallida, pianta triste: se vedete che le foglie sono più pallide di un fantasma in un film horror, potrebbe essere un segno di carenza di azoto. Le piante hanno bisogno di un verde intenso per compiere la loro magia fotosintetica. Inoltre, le foglie più vecchie sono le prime a mostrare questo pallore.
  • Radici assetate e nutrienti sfuggenti: Le radici sono come dei detective del terreno. Se sono denutrite, la pianta non può assorbire correttamente le sostanze nutritive. È come se dicessimo: “Ehi, radici, ecco un buffet di azoto!”, ma le radici sono impegnate a scattarsi dei selfie e non ci ascoltano. Se notate che le vostre piante hanno radici più piccole o meno sviluppate, potrebbe essere un’indicazione di una mancanza di azoto.
  • Frutti in miniatura: se i vostri pomodori assomigliano più a ciliegie che a pomodori, potrebbe essere colpa dell’azoto. Senza di esso, i frutti rimangono in “miniatura”, come se stessero seguendo una dieta modello. Quindi, se vedete che le vostre colture non raggiungono le dimensioni abituali, cercate di capire se l’azoto è scarso!
  • Crescita lenta, come una tartaruga in una gara: le piante si muovono a passo di lumaca. Se notate che crescono più lentamente della fila al supermercato nell’ora di punta, l’azoto potrebbe essere in vacanza su un altro pianeta. Le piante hanno bisogno di azoto per costruire proteine e crescere, quindi se notate che sono stagnanti, è il momento di indagare.
  • Ingiallimento dappertutto: le foglie più vecchie della pianta iniziano a ingiallire, mentre quelle più giovani possono mantenere il loro colore verde. Questo ingiallimento di solito inizia dalle foglie più basse e si diffonde verso l’alto. Il colpevole è la clorosi, che sembra il nome di un supereroe. Senza azoto, la clorofilla va in vacanza e le foglie diventano pallide.

Quali sono le cause della carenza di azoto

  • Tipo di terreno (sabbioso e ben drenato, ma assetato di azoto): i terreni sabbiosi, le dive del mondo vegetale, sono inclini alla carenza di azoto. Il loro rapido drenaggio e la lisciviazione dei nutrienti li rendono più drammatici di una soap opera. Se il vostro giardino ha un terreno sabbioso, è come se le piante stessero seguendo una dieta povera di azoto: hanno bisogno di più attenzioni di un influencer in cerca di like!
  • Irrigazione eccessiva: piogge torrenziali e annaffiature incontrollate: immaginate di essere una pianta e di essere improvvisamente colpiti da un acquazzone. Ecco, questo è ciò che provano le piante quando piove a dirotto o quando le innaffiamo come se stessimo spegnendo un incendio. L’acqua in eccesso porta via l’azoto, lasciando le povere piante a digiuno. Quindi, controllate l’irrigazione come se steste maneggiando un tubo d’oro!
  • Aerazione del suolo (ossigeno per le radici e azoto felice): i batteri del suolo hanno bisogno di ossigeno per produrre azoto organico. Se il terreno è poco aerato, i batteri diventano scontrosi e non lavorano bene. È come se dicessimo: “Ehi, batteri, abbiamo bisogno di più azoto qui!”, ma loro sono impegnati a guardare Netflix. Quindi arieggiate il terreno come se doveste aprire le finestre di casa vostra dopo una festa.
  • Temperatura del suolo (il termometro della nutrizione delle piante): la temperatura del suolo influisce sulla dissoluzione dei nutrienti e sull’attività microbica per rilasciare azoto che può essere consumato dalle piante. Se il terreno è freddo come un iceberg, i batteri vanno in letargo e l’azoto rimane intrappolato nel terreno. Quindi, mantenete il terreno caldo come una coperta di lana!
  • Altri elementi (l’effetto domino dei nutrienti): anche livelli elevati di zinco, manganese, potassio e cloruri possono interferire con l’assorbimento dell’azoto. È come se i nutrienti giocassero a domino e l’azoto finisse le tessere da spostare. Quindi, equilibrate il gioco e fate felici tutti i nutrienti!

Conoscere queste cause ci aiuta a tenere la situazione sotto controllo e a far sì che le nostre piante non siano mai affamate di azoto. L’azoto è il migliore amico delle piante. Abbracciatele e fate in modo che non soffrano mai la fame.


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di BeLeaf magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img