spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Gli errori più comuni nelle misurazioni di pH ed EC

Articolo a cura di Buddha Seeds Il pH nella coltivazione della cannabis svolge un ruolo importante nell'alimentazione e nello sviluppo della pianta, in quanto ci...
HomeGrowersCome rendere redditizio l'indoor con la policoltura

Come rendere redditizio l’indoor con la policoltura

Articolo a cura di Buddha Seeds

La policoltura della cannabis ci permette di sfruttare al meglio il nostro spazio indoor coltivando ceppi diversi, ma con tempi di raccolta simili. In questo articolo vi daremo alcuni consigli su come scegliere la genetica giusta.

Che cos’è la policoltura?

L’obiettivo della policoltura è quello di raccogliere diversi tipi di specie sullo stesso terreno. È una pratica agricola tradizionale che rispetta maggiormente l’ambiente e aiuta a conservare il suolo.

Nella coltivazione della cannabis, possiamo definire come coltivare diverse varietà di cannabis nello stesso armadio, stanza o appezzamento di terreno.

Qual è la differenza tra monocoltura e policoltura?

Come suggerisce il nome, una monocoltura è destinata a un’unica specie vegetale, mentre una policoltura coltiva diverse specie.

Policoltura. Vantaggi e svantaggi

Ecco i vantaggi e gli svantaggi della policoltura della cannabis.

Vantaggi della policoltura

Tra i principali vantaggi della policoltura della cannabis vi sono i seguenti:

  • Diversità di effetti e sapori

La coltivazione di diverse genetiche ci permette di avere un’ampia gamma di sapori ed effetti. In questo caso, le sativa per gli incontri sociali con gli amici e le indica per rilassarsi e guardare un film prima di andare a letto.

  • Raccolto sicuro

Nella monocoltura puntiamo tutto su una sola varietà, nel bene e nel male, cioè tutto può andare bene, ma se va male (parassiti, scarsa produzione) avremo perso tutto.

Nella policoltura, invece, coltivando diverse varietà, abbiamo maggiori probabilità di essere sicuri che le cose vadano bene.

  • Aumenta la tua esperienza di coltivatore

Ogni varietà di cannabis ha determinate caratteristiche quando si tratta di coltivarla. La policoltura ci permette di sperimentare diverse genetiche, aumentando la nostra conoscenza della coltivazione.

Svantaggi

D’altra parte, abbiamo i seguenti svantaggi della policoltura della marijuana:

  • Differenze di altezza e di illuminazione
  • Non tutte le varietà di cannabis crescono alla stessa altezza. Questo fa sì che le piante più alte blocchino la luce dell’altra varietà. In questo caso è consigliabile escogitare un sistema per sollevare le piante più basse e posizionarle alla stessa altezza dell’altra varietà.
  • D’altra parte, alcune piante hanno esigenze di luce più elevate di altre. Ad esempio, le sativa tendono a richiedere grandi quantità di luce durante la fioritura. In questo modo, ci assicuriamo che tutte le piante ricevano luce per poter svolgere le loro funzioni.

Nutrizione diversa

Quando si coltivano ceppi diversi, si avranno esigenze nutrizionali diverse. Pertanto, è necessario conoscere le esigenze di ciascuna pianta. Ciò che è troppo poco per una pianta può essere troppo per un’altra. È necessario preparare l’acqua di irrigazione per ogni varietà. Può essere molto dispendioso in termini di tempo se si coltivano molte varietà diverse nella stessa coltura.

Quali varietà posso coltivare?

Dominanza Indica

Possiamo coltivare una coltura di diverse varietà a dominanza indica. In questo modo, otteniamo che abbiano esigenze simili.

Per questa coltura consigliamo due delle nostre varietà: Kraken e Buddha Purple Kush. Avrete un raccolto abbastanza omogeneo e raccoglierete entrambe le varietà quasi contemporaneamente.

A dominanza sativa

Coltivando diverse varietà a predominanza sativa si ottiene un raccolto abbastanza omogeneo con requisiti simili.

Per una policoltura di cannabis con sativa consigliamo un mix esplosivo: la leggendaria Buddha Pulsar con la classica Buddha Amnesia.

Autofiorenti

Come per le varietà fotoperiodiche, possiamo anche realizzare una policoltura con genetiche autofiorenti.

Uno dei nostri consigli è quello di provare una coltura con la nostra Calamity Jane Auto e la nostra nota Deimos Auto.

Suggerimenti:

1.È importante scegliere ceppi con caratteristiche ed esigenze simili per semplificare la coltivazione. Possiamo scegliere tra varietà sativa e indica. Tuttavia, non dovremmo mischiarle entrambe, perché risulterebbe una coltivazione molto complicata (altezze, esigenze e tempi di fioritura diversi).

  1. I meccanismi di controllo dell’altezza possono essere utilizzati durante la fase vegetativa se vediamo che l’altezza è molto irregolare. Esistono alcune tecniche come la potatura di marijuana, l’LST (Low Stress Training) o la supercoltura che ci aiuteranno a controllare l’altezza.
  2. Non coltivate troppe varietà diverse. È molto difficile da controllare e richiederebbe troppo lavoro. Meno è meglio.

Ricordate che un indoor ben pianificato può risparmiarvi molti problemi. Se optate per la policoltura, la scelta delle varietà sarà uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione.


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda produttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf Magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non vogliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In Italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di Thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo della canapa, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram iscriviti a Green Friday, la newsletter settimanale di BeLeaf Magazine. È tutto gratis e… ne vale la pena!

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img